Lagardere si blinda contro il patto Amber-Vivendi: mandato rinnovato per Arnaud Lagardere e nuova stretegia

Il consiglio di sorveglianza della Lagardere ha rinnovato il mandato di Arnaud Lagardere per quattro anni, in anticipo di sette mesi sulla scadenza. A determinare la mossa, il patto siglato a sorpresa la scorsa settimana tra Vivendi e Amber Capital, primo e secondo azionista del gruppo francese con il 23,5% e il 20% rispettivamente, che mirano ad entrare nel cds con quattro rappresentanti.

Il rinnovo del mandato ad Arnaud Lagardere, spiega una nota del 17 agosto, è stato deciso “al fine di stabilizzare la governance del gruppo in un periodo inedito, di assicurare l’attuazione di una nuova roadmap strategica”. Il cds ha voluto “affermare il suo attaccamento all’integrità del gruppo e sottolineare la sua accresciuta vigilanza a fronte dei tentativi di destabilizzazione della governance e alle velleità di smantellamento delle attività”.

Arnaud Lagardere (Foto Ansa – EPA/IAN LANGSDON)

Nel dettaglio, il piano del gruppo francese vuole rafforzare e potenziare le divisioni Lagardere Travel Retail (negozi e boutique negli aeroporti e nelle stazioni, ndr) e Lagardere Publishing. La ristrutturazione dovrebbe consentire a Lagardere Travel Retail di attestarsi come il motore di crescita del gruppo, mentre la società rafforzerà la posizione di Lagardere Publishing nel mondo.
Quanto alle altre attività del gruppo, l’obiettivo è di “ottimizzarne il valore”.

Inoltre, a livello di governance, oltre al mandato di Arnaud Lagardere, è stata prevista la creazione di un consiglio di gestione, composto dai membri dell’attuale Comitato Esecutivo a cui si aggiungeranno Arnaud Nourry e Dag Rasmussen, rispettivi responsabili di Lagardere Publishing e Lagardere Travel Retail.

Intanto sul fronte azionario, Bernard Arnault, patron di Lvmh, rileverà tramite la Financiere Agache fino al 27% della Lcm, la holding personale di Arnaud Lagardere. L’accordo finalizza l’alleanza resa nota alla fine di maggio.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Sospeso il progetto di fusione Audiweb e Audipress; stop ad Audicomm

Sospeso il progetto di fusione Audiweb e Audipress; stop ad Audicomm

Malagò (Coni): con calcio il nostro mondo è più forte, serve totale sintonia. Mio programma per le elezioni? Lo presenterò il 13 maggio

Malagò (Coni): con calcio il nostro mondo è più forte, serve totale sintonia. Mio programma per le elezioni? Lo presenterò il 13 maggio

Annunziata: Rai è un editore, ma un editore pubblico e rappresenta lo Stato; innegabile l’incidente nel caso Fedez

Annunziata: Rai è un editore, ma un editore pubblico e rappresenta lo Stato; innegabile l’incidente nel caso Fedez