19 agosto Bayern-Lione stacca Superquark. Chicago Fire sul podio

Il calcio della Champions League senza italiane (la semifinale Bayern Monaco-Lione in primo piano) ieri – mercoledì 19 agosto – ha convogliato sia l’attenzione generalista che quella del pubblico pay. Alternativa forte era su Rai1 ‘Superquark’, mentre film, telefilm, Piero Chiambretti in replica su Rete4, Telese e Parenzo extra large completavano la griglia di base delle tv.

La classifica delle varie trasmissioni generaliste in prima serata in ordine di ascolti è stata la seguente.

Su Canale 5 la partita ‘Bayern Monaco-Lione’, vinta dai tedeschi per tre a zero, ha raccolto 3,054 milioni dui spettatori e 16,53% (Atalanta-Psg aveva ottenuto 5,135 milioni di spettatori e il 28,14%).

Su Rai1 ‘Superquark’, ha conseguito 2,021 mln spettatori e il 12,5%.

Su Italia 1 il telefilm ‘Chicago Fire’ ha raccolto 1,394 milioni di spettatori e 7,3% di share.

Su La7 ‘In Onda Focus‘, ha totalizzato 937mila spettatori e il 4,9%.

Su Rai Tre la pellicola in prima tv ‘L’affido- Una storia di violenza’, ha ottenuto 819mila spettatori e il 4,5%.

Su Rai2 il film in prima tv ‘High Society- Quando gli opposti si attraggono’ è arrivato a 744mila e 4,2%.

Su Rete 4 la replica di ‘#CR4 La Repubblica delle donne’ con Piero Chiambretti, ha conseguito 559mila spettatori e il 3,67%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza