Tim: accordo commerciale con Tiscali su Fibercop. In seconda fase possibile ingresso nell’azionariato

Tim e Tiscali hanno sottoscritto un Memorandum of Understanding per una collaborazione che all’inizio sarà commerciale ma potrebbe portare all’ingresso nell’azionariato di Fibercop. L’accordo, spiega una nota, prevede “la partecipazione commerciale di Tiscali al progetto di co-investimento FiberCop”. Sarà in seguito verificata “la possibilità di un eventuale ingresso di Tiscali nell’azionariato di FiberCop attraverso il conferimento di apposito ramo d’azienda, secondo modalità da concordarsi”.

Luigi Gubitosi (Foto ANSA/CLAUDIO PERI)

Il progetto di co-investimento in FiberCop prevede innanzitutto la migrazione dei clienti di Tiscali (partendo “in un primo momento, nel razionalizzare la rete” dell’operatore sardo). Gli interventi, si legge ancora, consentiranno “di ridurre in modo consistente i costi di infrastruttura di rete, evitando duplicazioni. Nel medio-lungo termine poi l’accordo consentirà a Tiscali “di attivare sulla rete di nuova costituzione una quota significativa dei propri accessi”. E alla fine non è escluso che Tiscali possa entrare anche nell’azionariato, ma, si precisa, “nel pieno rispetto dei diritti e delle prerogative riconosciute ai soci in virtù della disciplina statutaria e delle eventuali previsioni parasociali”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza