TikTok, secondo la Cnbc vicino l’annuncio della vendita. Per l’app accordo tra 20 e 30 miliardi di dollari

TikTok si sta avvicinando ad un accordo per vendere le sue operazioni negli Stati Uniti e potrebbe annunciarlo già nei prossimi giorni. Lo riporta la Cnbc citando fonti vicine al dossier. L’applicazione cinese probabilmente venderà le sue attività negli Stati Uniti, in Canada, in Australia e in Nuova Zelanda per una cifra compresa tra i 20 e i 30 miliardi di dollari, ma il prezzo non è ancora stato deciso.

Secondo il broadcaster la scelta per l’acquirente è ristretta alle già note pretendenti Microsoft e Oracle.
In tandem con Microsoft, scrive ancora Cnbc, è sceso in campo anche Walmart, interessata, come la stessa società ha confermato, alle potenzialità del social sotto l’aspetto pubblicitario e per l’eCommerce.

(cco Photo by Kon Karampelas on Unsplash)

Arriverebbe così a conclusione la vicenda che ha visto il social dei microvideo e la sua casa madre ByteDance presi di mira dall’amministrazione americana, passata dalle parole ai fatti con una serie di provvedimenti che di fatto obbligavano la holding cinese a vendere le sue attività nel paese e culminata con la decisione di TikTok di fare causa al governo americano. L’ultimo colpo di scena, le recenti dimissioni del ceo Kevin Mayer.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Più di 100 ospiti e oltre 60 eventi (live e in streaming) per l’edizione 2020 del Festival dello sport

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Carlo Perrone nominato vice presidente Gedi. “Importante contributo di relazioni con istituzioni e organismi di settore”

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza

Rete unica, gli ad di Sky, Wind e Vodafone: l’operatore sia neutrale. No a integrazione verticale, serve indipendenza