Serie A: arrivate le offerte dei fondi per la media company. Il 9 settembre l’assemblea dei presidenti

Sono scaduti il 28 agosto i termini per la presentazione delle offerte tassativamente vincolanti dei fondi di investimento interessati a partecipare alla media company della Lega Serie A che verrà creata per la gestione dei diritti tv e commerciali. In assenza di una comunicazione ufficiale della Serie A, secondo indiscrezioni non confermate raccolte dall’agenzia Ansa, sarebbero sei le proposte raccolte dall’advisor finanziario della Lega, Lazard.

(Foto ANSA / MATTEO BAZZI)

Fra queste, ci sarebbero quella presentata dalla cordata composta da Cvc, Advent e Fsi, e tra gli altri partecipanti e quella di Bain Capital, che, segnala il Sole 24 Ore, si sarebbe alleato nelle scorse settimane con Nb Renaissance Partners. Accanto a queste prime opzioni, considerate in pole polisition, sempre il Sole 24 Ore cita le offerte di Fortress con Apax Partners e Thcp-Three Hills Capital Partners; quella di Gso-Blackstone, di General Atlantic, di Apollo e di Sixth State, costola del colosso americano Tpg.

Nei prossimi giorni Lazard organizzerà degli incontri con le venti società di Serie A per presentare e analizzare le varie offerte. Poi la palla passerà ai presidenti dei club che si riuniranno in assemblea mercoledì 9 settembre.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Premiolino, vincono la 66esima edizione Chiappaventi, Filippi, Condò, Masneri, Ravizza, Scavo, Media e Bottura

Premiolino, vincono la 66esima edizione Chiappaventi, Filippi, Condò, Masneri, Ravizza, Scavo, Media e Bottura

<strong>22 settembre</strong> Tataranni in replica vince. Bene Brignano. Pari Berlinguer e Floris

22 settembre Tataranni in replica vince. Bene Brignano. Pari Berlinguer e Floris

Maxi sequestro della Gdf: colpiti siti e canali pari al 90% della pirateria tv ed editoriale in Italia. Denunciati un migliaio di abbonati illegali

Maxi sequestro della Gdf: colpiti siti e canali pari al 90% della pirateria tv ed editoriale in Italia. Denunciati un migliaio di abbonati illegali