Nel 2019 ogni settimana il 61% degli europei ha guardato il servizio pubblico del proprio paese. Dati Ebu: tg e news i programmi più offerti

Nel 2019 ogni settimana l’84% dei cittadini Ue ha guardato la tv per almeno 3 ore e mezza ogni giorno. E’ il dato che emerge dal report annuale sui trend dell’audience tv, realizzato dall’European Broadcasting Union, associazione che riunisce principalmente diversi operatori media pubblici e privati europei, ma nella quale sono inserite anche emittenti degli altri continenti.
Stando ai dati, la percentuale scende di circa 20 punti, al 64%, se si considera la fascia di spettatori più giovani , con un’età compresa tra i 15 e i 24 anni. In questo caso, il tempo giornaliero dedicato al piccolo schermo si abbassa a 1 ora e 33 minuti.

(elaborazione Ebu)

Concentrando l’attenzione sui servizi pubblici nei diversi paesi, secondo le stime, la Rai e le sue omologhe hanno raggiunto il 61% dei cittadini Ue ogni settimana, dato che scende al 36% tra i più giovani. Nel primo caso, l’ascolto del servizio pubblico equivale a una fetta di mercato del 24,5%, nel secondo del 16,9%. Ovvio l’aumento degli ascolti durante l’emergenza Covid, quando in molti si sono sintonizzati sui tg serali.  Il numero di spettatori giornalieri è salito del 20%, con un picco al 44% tra i più giovani.

Tra i programmi offerti dai servizi pubblici il 26% riguardano le news, il 19% fiction o programmi di intrattenimento e il 16% trasmissioni culturali. Più staccate le trasmissioni per bambini e gli sport, entrambe all’8%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

I contenuti streaming al top nei consumi media. Brightcove: tv connesse e smartphone i più usati

I contenuti streaming al top nei consumi media. Brightcove: tv connesse e smartphone i più usati

Home entertainment, boom Svod e non lineare in lockdown. Univideo: consumo digitale cresciuto del 73%

Home entertainment, boom Svod e non lineare in lockdown. Univideo: consumo digitale cresciuto del 73%

Il Covid ha accelerato il passaggio all’adv digitale. Zenith: ripresa nel 2021, ma sui media tradizionali investimenti non omogenei

Il Covid ha accelerato il passaggio all’adv digitale. Zenith: ripresa nel 2021, ma sui media tradizionali investimenti non omogenei