Il mercato degli account di videogames hackerati vale 1 miliardo di dollari. Fortnite tra i giochi più gettonati

Non solo la battaglia con Apple. Fortnite, il popolare videogioco di Epic Games, è al centro anche di un mercato illegale: quello degli account hackerati dei videogame, che nel complesso vale 1 miliardo di dollari all’anno. A dirlo è un rapporto degli analisti di Night Lion Security, ripreso da Bloomberg.

Ogni giorno sono decine di migliaia gli account di Fortnite rubati e venduti sul mercato nero. In media, spiega l’analisi, ogni profilo è venduto per 200-250 dollari ma ce ne sono alcuni con ‘skin’ – cioè personalizzazioni dell’avatar – di particolare valore, che ne fanno crescere il prezzo fino a qualche migliaio di dollari.

cco (Photo by Joshua Hoehne on Unsplash)

 

Fortnite, con i suoi 350 milioni di giocatori registrati, non è l’unico videogame ricercato sul mercato nero degli account. Ad essere gettonati sono anche Minecraft, RuneScape e Roblox. Insieme, i quattro giochi danno vita a compravendite per 700 milioni di dollari.

Quelli dei videogame “sono tra gli account hackerati più redditizi sul mercato nero”, evidenziano gli esperti, secondo cui la compravendita di questi profili “si è evoluta in un’industria clandestina da un miliardo di dollari all’anno, con una sua catena di approvvigionamento perfettamente funzionante”.
In questo contesto “la pandemia di Covid-19 sembra accelerare la richiesta di account, con le persone che non sono al lavoro e hanno tutto il tempo per usare i videogiochi”, evidenziano gli analisti, mentre gli sviluppatori dei videogame “ad oggi non hanno ancora avuto successo nel rallentare quest’economia sommersa, che agli hacker e ai venditori più bravi frutta entrate annuali a sei o sette cifre”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”