At&t valuta la vendita della tv satellitare DirecTv

At&t sta valutando le possibili opzioni per il proprio business DirectTv, esplorando una potenziale vendita dell’unità di tv satellitare. Secondo Dow Jones Newswires, il colosso tlc avrebbe avviato delle trattative con alcune società di private-equity, tra cui figurerebbero Apollo Global Management e Platinum Equity. Il processo è ancora in fase preliminare, hanno spiegato le fonti. In alternativa, è possibile che alcuni interessati creino delle alleanze e che avanzino delle offerte congiunte.

John Stankey, ceo di At&t

L’operazione potrebbe valutare il business sotto i 20 miliardi di dollari. Secondo i media americani, qualsiasi accordo per il servizio di tv satellitare avrebbe dimensioni considerevoli, ma sarebbe ben lontano dai 49 miliardi di dollari pagati da AT&T nel 2015. L’unità di pay tv, che nel suo pacchetto offre diverse reti sportive, ha perso milioni di abbonati negli ultimi anni.

Già in passato i dirigenti di At&t avevano valutato una possibile separazione degli asset di DirectTv, compresa l’eventualità di uno spin-off o ancora la fusione con le attività della rivale Dish Network. Tali progetti si erano poi conclusi con un nulla di fatto a seguito di diverse sfide, quali ad esempio le questioni relative alle politiche antitrust.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”