Covid: circa 5 milioni di download per Immuni. Sileri: un flop, hanno pesato informazioni sbagliate

L’app Immuni registra ad oggi 5,3 milioni di download. In base a questi numeri l’applicazione sarebbe quindi stata scaricata dal 14% della popolazione che ha uno smartphone e lo usa regolarmente. “L’hanno scaricata troppo poche persone, se penso soprattutto ai ragazzi ritengo che sia un flop che dobbiamo superare”, il commento del viceministro alla salute Pierpaolo Sileri, nel corso di una intervista su Timeline a Sky Tg24, secondo cui se si riuscisse a raddoppiare il “numero entro fine settembre già saremmo su un’ottima strada”.

Pierpaolo Sileri (Foto ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI)

Il viceministro è convinto che a pesare sugli scarsi numeri registrati siano state “le troppe chiacchiere iniziali”. “Sono state date troppe informazioni sbagliate, troppi politici hanno detto cose senza sapere di cosa parlassero”, ha chiosato. “L’applicazione Immuni è sinonimo di libertà dal momento in cui non c’è una segnalazione si è liberi di non dover andare a fare il tampone, si è liberi di non dover andare in quarantena. Occorre far passare il messaggio sincero di necessità, di rispetto reciproco”.
“L’app è stata scaricata da più di 5 milioni di utenti, se già riuscissimo a raddoppiare questo numero entro fine settembre già saremmo su un ottima strada”, ha concluso.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Google: 1 miliardo di dollari per pagare gli editori. In arrivo Showcase, nuova sezione con news scelte dalle testate partner

Google: 1 miliardo di dollari per pagare gli editori. In arrivo Showcase, nuova sezione con news scelte dalle testate partner

Psa: nasce Groupe Psa Italia Spa. Alla guida il ceo Gaetano Thorel

Psa: nasce Groupe Psa Italia Spa. Alla guida il ceo Gaetano Thorel

Radio, adv in ripresa ad agosto: -1%. Fcp: miglioramento sui mesi precedenti, con investimenti quasi allineati al 2019

Radio, adv in ripresa ad agosto: -1%. Fcp: miglioramento sui mesi precedenti, con investimenti quasi allineati al 2019