Vivendi e Amber portano Lagardere in tribunale. Al via la battaglia legale per la governance del gruppo francese

Condividi

Continuano gli scontri tra gli azionisti di Lagardere. Il fondo Amber e il colosso dei media Vivendi intendono presentare ricorso al tribunale di Parigi a seguito del rifiuto del consiglio di sorveglianza del gruppo, di cui sono i principali azionisti, di convocare un’assemblea generale straordinaria. “Avendo il Consiglio di Sorveglianza e la direzione di Lagardere rifiutato le rispettive proposte di Amber Capital e Vivendi, questi ultimi si rivolgeranno al Tribunale di commercio di Parigi con una richiesta di convocazione di un’assemblea generale”, hanno comunicato in una nota congiunta Amber e Vivendi che del gruppo francese detengono rispettivamente quote del 20% e del 23,5%.

Vincent Bolloré, Presidente del Consiglio di Sorveglianza di Vivendi (Foto Ansa)

Dal canto suo Lagardere ha comunque comunicato di essere pronta ad “aprire un dialogo tra azionisti costruttivo e pacifico”.

A questo punto, il tribunale può nominare un agente se ritiene che le risoluzioni proposte dai due soci siano nell’interesse generale della società.