Usa: continua il braccio di ferro con Pechino. Dopo TikTok, provvedimenti contro altre app cinesi

Non solo TikTok e WeChat. L’amministrazione Trump si prepara a prendere provvedimenti anche contro altre app cinesi. E’ quanto ha lasciato intendere Peter Navarro, consigliere della Casa Bianca su temi commerciali. “E’ fondamentale che questo paese non usi app cinesi o che prendono i dati e li trasferiscono su server in Cina”, ha detto durante un’intervista con Fox Business. “Questi dati saranno usati per sorvegliare, monitorare e tracciarti”. “Questa è la linea politica alla base delle azioni su TikTok e WeChat, ma ce ne saranno altre perché la Cina fondamentalmente sta andando in giro per il mondo cercando di acquisire tecnologia e influenza”, ha chiosato, ribadendo quanto detto nelle scorse settimane anche dal segretario di Stato, Mike Pompeo.

Peter Navarro (Foto Ansa – EPA/STEFANI REYNOLDS / SIPA / POOL)

Dunque, i rapporti già testi tra i due paesi potrebbero ulteriormente complicarsi a causa di altri provvedimenti di natura commerciale. La Cina comunque non sembra intenzionata a restare a guardare. Nei giorni scorsi Pechino ha infatti introdotto nuove regole sull’export di alcune tecnologie sensibili – come l’intelligienza artificiale – con una stretta che di fatto potrebbe complicare le trattative per la vendiata degli assett americani di TikTok.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Endemol Shine Italy cede le quote di maggioranza in Yam112003 ai manager Corbetta (ceo), Bianchi, Pianca e Tousco

Endemol Shine Italy cede le quote di maggioranza in Yam112003 ai manager Corbetta (ceo), Bianchi, Pianca e Tousco

Chiesa sempre più social: una parrocchia su due ha Facebook; WhatsApp e Telegram i più gettonati per parlare ai fedeli

Chiesa sempre più social: una parrocchia su due ha Facebook; WhatsApp e Telegram i più gettonati per parlare ai fedeli

Nessuna censura per Osho, Facebook riattiva la pagina satirica. Federico Palmaroli: equivoco sul soprannome

Nessuna censura per Osho, Facebook riattiva la pagina satirica. Federico Palmaroli: equivoco sul soprannome