TikTok: si complica l’accordo di vendita. Dubbi sulla cessione degli algoritmi chiave dell’app

Sembrava filare tutto liscio, al punto che secondo alcuni media Usa l’annuncio della scelta di un acquirente sarebbe arrivata in una manciata di giorni. Ora le trattative per la vendita delle operazioni statunitensi di TikTok si stanno rivelando più complesse a causa di un dubbio relativo all’inserimento degli algoritmi chiave dell’app nell’accordo.

Secondo Dow Jones Newswires, gli algoritmi che determinano i video da proporre agli utenti, da molti ritenuti l’ingrediente segreto del successo dell’app, sono stati considerati come parte integrante delle trattative fino a venerdì, quando il governo di Pechino ha introdotto nuove restrizioni sulle esportazioni di tecnologia. Le parti interessate stanno cercando di stabilire se le nuove norme implicano che il trasferimento degli algoritmi debba essere approvato dal governo cinese e, in tal caso, se Pechino firmerà.

(cco Photo by Kon Karampelas on Unsplash)

ByteDance, la holding proprietaria dell’app, intende rispettare la nuova normativa e sta cercando di far luce con il governo cinese su come portare avanti la vendita nel caso in cui le nuove restrizioni sull’export riguardino anche i suoi algoritmi.
Per gli offerenti – da un lato Microsoft e Walmart, e dall’altro la partnership tra Oracle e alcuni investitori di ByteDance, tra cui Sequoia, General Atlantic e Coatue Management -, l’idea di acquistare TikTok senza gli algoritmi cambia completamente la prospettiva su ciò che le aziende stanno offrendo.
Vista la situazione, in molti si sono mostrati scettici in merito al proseguimento delle trattative, mentre altri ancora hanno suggerito che gli offerenti potrebbero sviluppare nuovi algoritmi per l’app.

In ogni caso, la questione evidenzia come le parti che concorrono per l’accordo siano nel mezzo di un tiro alla fune globale tra due superpotenze che hanno entrambe formulato richieste rigorose. Basti pensare che l’opinione pubblica cinese ha descritto l’ordine esecutivo del governo Usa sull’app come un tentativo di appropriarsi di tecnologia cinese attraverso una svendita forzata.

.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

<strong>22 settembre</strong> Tataranni in replica vince. Bene Brignano. Pari Berlinguer e Floris

22 settembre Tataranni in replica vince. Bene Brignano. Pari Berlinguer e Floris

Maxi sequestro della Gdf: colpiti siti e canali pari al 90% della pirateria tv ed editoriale in Italia. Denunciati un migliaio di abbonati illegali

Maxi sequestro della Gdf: colpiti siti e canali pari al 90% della pirateria tv ed editoriale in Italia. Denunciati un migliaio di abbonati illegali

RILANCIO: CHI FA CHE COSA

RILANCIO: CHI FA CHE COSA