Premier League: salta il contratto in Cina da 564 milioni di sterline con PPTV del gruppo Suning

Condividi

E’ saltato l’accodo tra la Premier League e PPTV operatore televisivo cinese di proprietà di Suning Holdings – il gruppo che controlla anche l’Inter – licenziatario per i diritti di trasmissione in Cina.
La fine del contratto più redditizio per i diritti tv all’estero del campionato inglese è dovuta al fatto che PPTV ha trattenuto la rata di 160 milioni di sterline di marzo, parte di un accordo triennale da 564 milioni di sterline per il mercato cinese.

Juergen Klopp con i giocatori del Liverpool (foto Ansa /EPA/Laurence Griffiths/NMC/Pool)

Il fallimento dell’accordo è in parte imputato alla crisi del Coronavirus che ha portato alla sospensione delle partite di calcio, con la mancata fornitura a PPTV del prodotto. Una storia che ricorda il contenzioso tra Lega di serie A e Sky Italia sul pagamento dell’ultima rata da 131 milioni per la stagione 2019-2020, contenzioso finito davanti al Tribunale di Milano.