Francia: nel piano di rilancio, fondi per giornali, cinema radio e tv pubbliche

Dai 100 miliardi annunciati nel piano di rilancio post-Covid, il governo francese ne aveva promessi 2 alla cultura. Di questa fetta, hanno annunciato il presidente Emmanuel Macron e il capo del governo, Jean Castex, 483 milioni andranno ai giornali, 70 milioni alle radio e tv pubbliche, 165 milioni al cinema.

Emmanuel Macron (Foto EPA/JULIEN DE ROSA / POOL)

I fondi per gli editori si aggiungono all’abituale sostegno alla stampa, pari a 840 milioni di euro, concessi ogni anno ai giornali. La maggior parte di questa somma mira a sostenere la distribuzione, che ottiene 156 milioni. Aggiunta anche per France Télévisions e Radio France, le tv e le radio pubbliche, sotto forma di una “dotazione pubblica eccezionale” su due anni, destinata ad ammortizzare gli effetti della crisi. Tra l’altro il gruppo delle tv pubbliche per il 2020 ha previsto passivi per 22 milioni, primo risultato in rosso negli ultimi 5 anni.

Per quanto riguarda i fondi destinati al cinema – e in particolare al CNC, il Centro nazionale del cinema e dell’immagine animata – una parte servirà per colmare il passivo quantificato in una sessantina di milioni nel 2020, il resto per misure di rilancio del settore.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Amazon tratta l’acquisizione della mitica Metro Goldwyn Mayer. Operazione da 9 miliardi di dollari (7,4 miliardi di euro)

Amazon tratta l’acquisizione della mitica Metro Goldwyn Mayer. Operazione da 9 miliardi di dollari (7,4 miliardi di euro)

Antonella d’Errico nominata executive vice president programming di Sky Italia

Antonella d’Errico nominata executive vice president programming di Sky Italia

Conte al lavoro per rifondare il Movimento 5 Stelle. Rumors sul ritorno di Casalino nello staff comunicazione

Conte al lavoro per rifondare il Movimento 5 Stelle. Rumors sul ritorno di Casalino nello staff comunicazione