L’Inter viaggia con Volvo e punta sulla motorizzazione ibrida a ricarica

“E’ con estrema soddisfazione che annunciamo il rinnovo dell’accordo tra Inter e Volvo Car Italia, una collaborazione nata tredici anni fa e che unisce due brand globali, accomunati dagli stessi valori e dalla stessa attenzione al futuro e all’innovazione”. E’ quanto ha dichiarato Alessandro Antonello, ceo corporate di FC Internazionale Milano, durante l’evento tenutosi al Volvo Studio Milano, per l’annuncio del rinnovo dell’accordo di fornitura per la stagione sportiva 2020/21. In sala presenti Michele Crisci, presidente di Volvo Car Italia e la legend nerazzurra Julio Cesar.

Michele Crisci, presidente di Volvo Car Italia e Julio Cesar (Photo by Emilio Andreoli – Inter/Inter via Getty Images)

L’accordo prevede, grazie ai servizi di Volvo Car Credit, la fornitura di auto che possano assicurare le esigenze di mobilità sostenibile e sicura dell’Inter. Fra le vetture anche alcune XC90 T8 Plug-in Hybrid, modello di punta della famiglia Recharge di Volvo con motorizzazione ibrida a ricarica. È la prima volta che la flotta del club nerazzurro utilizzerà questo tipo di tecnologia, a dimostrare l’attenzione di Inter e Volvo verso la salvaguardia dell’ambiente.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La rivoluzione delle qualifiche per la Champions League 2024. Da 32 a 36 squadre ne gioverebbe anche la presenza in tv

La rivoluzione delle qualifiche per la Champions League 2024. Da 32 a 36 squadre ne gioverebbe anche la presenza in tv

Ritorna in scena il calcio femminile: la Nazionale delle donne batte Israele 12-0 e si qualifica per gli Europei del 2022

Ritorna in scena il calcio femminile: la Nazionale delle donne batte Israele 12-0 e si qualifica per gli Europei del 2022

Da Torino a Milano, il Giro d’Italia svela le tappe dell’edizione 2021. Cairo: Spero prosegua a lungo il rapporto tra Rcs, Giro e Rai

Da Torino a Milano, il Giro d’Italia svela le tappe dell’edizione 2021. Cairo: Spero prosegua a lungo il rapporto tra Rcs, Giro e Rai