TikTok aderisce al Codice Ue contro l’hate speech. La vicepresidente Jourova: rispetti normative operando in Ue

La piattaforma social cinese TikTok aderisce al Codice di condotta contro l’incitazione all’odio online. Lo annuncia la vicepresidente della Commissione europea ai valori dell’Ue, Vera Jourova. “E’ un bene che TikTok abbia aderito al Codice”, ha spiegato, ricordando come il social siamo molto usato dai giovani “particolarmente vulnerabili all’abuso” delle piattaforme online e all’incitamento illegale all’odio.

Vera Jourova (Foto Ansa – EPA/OLIVIER HOSLET)

“Vedo come un’evoluzione positiva che Tik Tok si unisca ad un ambiente di cooperazione in cui le compagnie dell’It lavorano con le organizzazioni della società civile e le autorità pubbliche per affrontare l’incitamento all’odio online in modo più efficace”, ha affermato ancora Jourova, sottolineando: “Chiaramente mi aspetto che TiKTok non aderisca solo ai principi del codice, ma rispetti anche in pieno la normativa europea, quando opera sul suolo europeo”.

“Da sempre non permettiamo espressioni d’odio su TikTok e consideriamo importante che le piattaforme online prendano in considerazione una tematica così cruciale”, ha commentato Cormac Keenan, responsabile Trust and Safety di TikTok nella regione Emea, spiegando che le linee guida della app “proibiscono qualsiasi forma di discorso o ideologia d’odio”. “Adottiamo una politica di tolleranza zero contro i gruppi d’odio organizzati e le persone a essi associate”, ha rimarcato.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Gubitosi (Tim): lo spostamento del calcio dal satellite alla fibra velocizzerà il passaggio del clienti sulla Rete

Gubitosi (Tim): lo spostamento del calcio dal satellite alla fibra velocizzerà il passaggio del clienti sulla Rete

Minacce a Mattarella. Il prof Gervasoni indagato per vilipendio: è legittima critica; i social erano spazio di libertà, ora deriva liberticida

Minacce a Mattarella. Il prof Gervasoni indagato per vilipendio: è legittima critica; i social erano spazio di libertà, ora deriva liberticida

Il Parlamento Ue studia nuove norme anti Slapp, le azioni legali “bavaglio”: Importante rafforzare libertà dei media

Il Parlamento Ue studia nuove norme anti Slapp, le azioni legali “bavaglio”: Importante rafforzare libertà dei media