Australia, governo contro Fb e Google sul pagamento delle news: collaborare senza ricorrere a coercizioni

Il primo ministro australiano Scott Morrison ha avvertito Facebook e Google che il suo governo non intende cedere alle loro “coercizioni”. E che procederà con il piano di obbligare le due grandi piattaforme a pagare i media tradizionali per pubblicare i loro contenuti.
Morrison ha ribadito che l’esecutivo sostiene le raccomandazioni della Commissione per la concorrenza e i consumatori (ACCC) sulla norma, che prevede trattative tra tra le parti per concordare il pagamento.

Facebook e Google in risposta hanno minacciato di rivalersi con una messa al bando di news australiane sulle loro piattaforme. Nello specifico, secondo Google il codice di condotta assicurerebbe alle organizzazioni dei media australiani un “indebito vantaggio” dando loro accesso agli algoritmi segreti, mentre Facebook  ha parlato di una misura che “sfida la logica” e che “non aiuterà, bensì danneggerà, la vitalità a lungo termine del settore australiano giornalistico e mediatico”.

Scott Morrison (Foto Ansa – EPA/LUKAS COCH)

Nel confermare il sostegno al codice di condotta, Morrison ha incoraggiato “con forza” i colossi tech a collaborare in modo costruttivo e collaborativo con il processo già avviato. “Sono certo che arriveremo a un risultato ragionevole senza ricorrere a coercizione”, ha aggiunto. Il presidente dell’ACCC Rod Sims, parlando a un’inchiesta parlamentare, ha detto di non essere sorpreso delle obiezioni delle due piattaforme contro le riforme proposte. “Queste costringerebbero loro a fare qualcosa che non vogliono fare, cioè pagare per il contenuto di notizie. Siamo tuttavia ancora aperti a confrontarci per giungere a soluzioni condivise”, ha aggiunto.

I piani dell’Australia sono osservati attentamente attorno al mondo, mentre gli enti regolatori dei vari paesi concentrano sempre più l’attenzione su un settore in rapida trasformazione. I news media su scala globale hanno sofferto con il diffondersi dell’economia digitale, dove le compagnie big tech catturano in misura schiacciante gli introiti pubblicitari.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Endemol Shine Italy cede le quote di maggioranza in Yam112003 ai manager Corbetta (ceo), Bianchi, Pianca e Tousco

Endemol Shine Italy cede le quote di maggioranza in Yam112003 ai manager Corbetta (ceo), Bianchi, Pianca e Tousco

Chiesa sempre più social: una parrocchia su due ha Facebook; WhatsApp e Telegram i più gettonati per parlare ai fedeli

Chiesa sempre più social: una parrocchia su due ha Facebook; WhatsApp e Telegram i più gettonati per parlare ai fedeli

Nessuna censura per Osho, Facebook riattiva la pagina satirica. Federico Palmaroli: equivoco sul soprannome

Nessuna censura per Osho, Facebook riattiva la pagina satirica. Federico Palmaroli: equivoco sul soprannome