Mediaset tiene in Borsa nel giorno del Cda. C’è attesa per la pronuncia Agcom di domani, sul tavolo c’è anche il dossier Rete unica

Mediaset si difende a Piazza Affari dove in un contesto molto negativo ha chiuso con un rialzo dello 0,44% a quota 1,838 euro per azione. Il tutto nel giorno del consiglio di amministrazione convocato per l’approvazione dei conti. I dati di bilancio saranno diffusi domani mattina a mercati chiusi, con la presentazione agli analisti in conference call in programma alle 9.

Pier Silvio Berlusconi

Sempre domani, ricorda Agi, il consiglio Agcom si pronuncerà sul provvedimento con cui aveva obbligato Vivendi a conferire il 19,9% di Mediaset in un trust (Simon Fiduciaria) consentendole di conservare il restante 9,9%. Una decisione quella dell’Agcom in un certo senso scontata dopo che la Corte di giustizia europea ha definito la Legge Gasparri incompatibile con le norme dell’Ue. Si tratta di una sentenza dagli effetti potenzialmente devastanti per la ‘guerra’ finanziaria e giudiziaria tra il ‘Biscione’ e il colosso francese dei media.

Paradossalmente, scrive Agi, proprio la decisione dei giudici europei potrebbe costringere alla pace i due contendenti e spianare la strada alla riproposizione del progetto Mfe, anche se su basi nuove e con presupposti diversi che forniscano maggiori garanzie alle minoranze. In questo contesto si inserisce l’attesa per un incontro (in videoconferenza) tra i Ceo delle due società, Pier Silvio Berlusconi e Arnaud de Puyfontaine, atteso comunque non prima della prossima settimana.

La partita Mediaset si intreccia inevitabilmente con il dossier della Rete unica, con il Biscione che potrebbe entrare nella futura società che verrà costituita a seguito degli accordi tra Cdp e Tim, di cui Vivendi è il primo azionista con il 23,9% del capitale. Un’ipotesi che ha visto la freddezza dell’amministratore delegato della compagnia telefonica, Luigi Gubitosi, che non ne coglie le ragioni dal punto di vista industriale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP MEDIA ITALIANI SUI SOCIAL. A settembre prima Sky Sport per interazioni, Cookist per video view, Fanpage per paid post

TOP MEDIA ITALIANI SUI SOCIAL. A settembre prima Sky Sport per interazioni, Cookist per video view, Fanpage per paid post

I quotidiani quest’anno perdono un quarto delle copie e dal 2016 dimezzano le vendite. Agcom: Rai leader per share tv; cresce Discovery

I quotidiani quest’anno perdono un quarto delle copie e dal 2016 dimezzano le vendite. Agcom: Rai leader per share tv; cresce Discovery

Marco Bardazzi lascia Eni. La comunicazione da novembre passa a Erika Mandraffino

Marco Bardazzi lascia Eni. La comunicazione da novembre passa a Erika Mandraffino