Fortnite: Apple fa causa a Epic Games per violazione di contratto. E chiede i danni

Condividi

Continua il botta e risposta in carta bollata tra Apple e Epic Games. Cupertino ha risposto all’azione legale della piattaforma di gaming accusandola di aver infranto il contratto introducendo un nuovo sistema di pagamento all’interno della sua app. E chiedendo danni punitivi. “L’azione legale di Epic non è altro che un disaccordo finanziario. Anche se Epic si presenta come una moderna Robin Hood, nella realtà è una società multi miliardaria che non vuole pagare per l’enorme valore che trae dall’App Store”, ha affermato Apple.

Tim Cook (Foto Ansa – EPA/ROBIN VAN LONKHUIJSEN)

La disputa fra le parti è iniziata nella prima metà di agosto, con l’introduzione nell’app Fortnite di un sistema di pagamento in grado di aggirare la commissione del 30% imposta da Apple e Google. Cupertino e Mountain View hanno rimosso il videogioco dalle loro piattaforme per violazione delle norme. Epic ha quindi fatto loro causa accusandole di condotta anticompetitiva.