Brexit: Londra lancia una campagna europea su giornali e social per spiegare come continuare a fare affari con il paese

In vista del 31 dicembre 2020, data prevista per la fine della transizione prima della Brexit, Londra ha lanciato una campagna di comunicazione su scala europea rivolta alle imprese con sede nel vecchio continente per fornire le informazioni utili a continuare a fare affari nel Paese, anche dopo il divorzio dall’Unione

Promossa con una pianificazione pubblicitaria su testate cartacee nazionali e pan-europee, pubblicità digitale, ricerche e promozione a pagamento su social media come Twitter, LinkedIn, Facebook e Instagram,  ‘Keep Business Moving’ – questo il nome della campagna – , è parte integrante del programma governativo ‘The UK’s New Start’, che illustra, analogamente a quanto necessario per le aziende europee, il percorso che le imprese britanniche dovranno compiere per prepararsi a sfruttare le nuove opportunità derivanti dall’uscita del Regno Unito dall’Ue.

(Foto Ansa – EPA/ANDY RAIN)

La campagna indirizzerà gli operatori commerciali verso una pagina dedicata del governo britannico che fornirà informazioni su quanto sarà necessario fare per garantire continuità ai rapporti commerciali.

“I nostri preparativi per la fine del periodo di transizione sono a buon punto e questa campagna è volta a sostenere gli importantissimi partner commerciali del Regno Unito nell’Ue, affinché possiamo continuare a mantenere un ottimo livello di affari e attività commerciali anche dopo la fine del 2020”, ha dichiarato Greg Hands, ministro per le politiche commerciali.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai, Fico: dobbiamo liberarla dai partiti. Se cambia, può cambiare il Paese

Rai, Fico: dobbiamo liberarla dai partiti. Se cambia, può cambiare il Paese

Massimo Giletti in diretta su Rtl 102.5. Ogni venerdì alle 8 col programma ‘Giletti 102.5’

Massimo Giletti in diretta su Rtl 102.5. Ogni venerdì alle 8 col programma ‘Giletti 102.5’

TikTok, 104 milioni di video bloccati in sei mesi: nudità e sicurezza dei minori le principali ragioni

TikTok, 104 milioni di video bloccati in sei mesi: nudità e sicurezza dei minori le principali ragioni