Claudio Brachino in Italpress come editorialista politico e consulente editoriale area multimediale

Dal 15 settembre Claudio Brachino, ex direttore Mediaset, entrerà nella squadra dell’Italpress come editorialista politico e consulente editoriale dell’area multimediale, che comprende sia il video che il web, dove realizzerà anche format e rubriche in prima persona. Si comincia da “Primo Piano”, programma che settimanalmente ospiterà nello studio Tv della sede romana di via Piemonte i big del mondo politico, sindacale, economico ed imprenditoriale del Paese.

La produzione video dell’agenzia diretta da Gaspare Borsellino, che comprende 4 Tg al giorno fra Sport, Economia ed Attualità e 3 Tg tematici settimanali (Europa, Motori e Salute), oltre ad essere trasmessa su tutte le piattaforme multimediali dell’Italpress, che raggiungono più di 500 abbonati e sul proprio portale www.italpress.com, andranno in onda anche su un Network televisivo di circa 100 emittenti televisive dall’Alto Adige alla Sicilia.

Entro l’anno saranno varate altre iniziative nell’area video, compresi nuovi Tg Tematici ed altri contenuti e rotocalchi periodici da diffondere a tutti gli abbonati dell’agenzia.

“Sono molto orgoglioso e contento dell’ingresso di Claudio Brachino nella nostra squadra – afferma il direttore e fondatore Gaspare Borsellino – perché ci permette di fare un ulteriore salto di qualità, potenziando un settore per noi sempre più importante e strategico, come l’Area Video e Multimediale, sulla quale crediamo molto continuando ad investire anche in periodi difficili e particolari come questi e, come è avvenuto recentemente, con il nuovo studio televisivo di Roma e con altri nuovi progetti che stiamo definendo proprio in questi giorni”.

“Sono felice di lavorare per un’agenzia autorevole come Italpress – commenta Brachino – e per un direttore coraggioso come Borsellino. Per di più continuo a seguire la stella polare della mia carriera, ovvero la costante sperimentazione, la costante ricerca di nuovi linguaggi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto