Total Digital Audience by Audiweb: a luglio online 42,1 milioni di utenti; continua la flessione stagionale; si naviga meno su pc (-15,4%)

Audiweb ha distribuito il nastro di pianificazione, Audiweb Database, con i dati della fruizione di internet (total digital audience) del mese di luglio 2020.

audiweb_2-0_documento_sintesi_luglio2020

I nuovi dati Audiweb Database, sono stati distribuiti alle software house per essere consultati dagli operatori iscritti al servizio tramite i tool di analisi e pianificazione. Il documento di sintesi con l’audience online nel giorno medio degli editori iscritti alla rilevazione è disponibile sul sito, previa registrazione.

La total digital audience nel mese di Luglio 2020
La total digital audience nel mese di luglio è rappresentata da 42,1 milioni di utenti (il 70,5% della popolazione dai 2 anni in su) e ha registrato una flessione del 2.1% rispetto al mese precedente. Tale flessione generale è da ricondurre a un tipico andamento “stagionale” dei mesi estivi a cui si aggiunge, in questo caso, ancora l’effetto post-lockdown che già nel mese di giugno ha visto una maggiore mobilità delle persone, con conseguente ripresa di alcune attività precedentemente limitate.
Di riflesso, nel giorno medio del mese di luglio si registra lo stesso trend, con 32,4 milioni di utenti e una flessione del 4,2% rispetto al mese di giugno, segno di una minore frequenza di accesso a internet. Questo andamento emerge in modo più spiccato dai dati della fruizione di internet da Computer che registra 9,2 milioni di utenti nel giorno medio, con una flessione del 15,4% rispetto a giugno.

Per quanto riguarda i dati sul profilo degli individui online, nel giorno medio a luglio si sono collegati almeno una volta dai device rilevati il 52% delle donne (15,6 milioni) e il 56,5% degli uomini (16,8 milioni). Più in dettaglio erano online il 70,9% dei 18-24enni (3,1 milioni), il 78,5% dei 25-34enni (5,2 milioni), il 77,6% dei 35-44enni (6,6 milioni), il 76,9% dei 45-54enni (7,5 milioni), il 68.9% dei 55-64enni (5,9 milioni) e il 28.1% degli over 64enni (3,8 milioni).

Dai dati sulla provenienza geografica degli utenti online, risulta che nel giorno medio a luglio erano 9,1 milioni gli individui online dall’area Nord Ovest (il 57,4% degli abitanti di quest’area, -4,1% rispetto al giorno medio di giugno), 5,8 milioni dall’area Nord Est (il 53,4% degli abitanti di quest’area, -3,8%), 6,3 milioni dal Centro (il 54,1% degli abitanti di quest’area, -5,4%) e 11,2 milioni dall’area Sud e Isole (il 52,5% degli abitanti di quest’area, -3,9%).

Per quanto riguarda gli interessi degli utenti online, i dati di dettaglio sulle categorie e sotto-categorie di siti confermano ulteriormente il trend in flessione tra luglio e giugno, con il traffico online che, in generale, diminuisce per gran parte delle entità, riportando valori in crescita per le principali sotto-categorie di siti che offrono contenuti legati agli spostamenti e all’organizzazione dei viaggi.

Più in dettaglio, tra le sottocategorie di siti più visitate nel mese di luglio resta confermato il quadro dei mesi precedenti, sebbene con valori in leggero calo rispetto a giugno. Tra le principali: la sottocategoria Search raggiunge il 93,5% degli utenti online, con 39,3 milioni di utenti (-3,2% rispetto a giugno); i Social Network – Member Communities – raggiungono l’89,1% degli utenti online, con 37,5 milioni (-2,2%); i siti di strumenti e servizi online – Internet tools/Web Services – raggiungono l’89%, con 37,4 milioni di utenti (-3,5%); la sotto-categoria Video/Movies raggiunge l’87,3% degli utenti, 36,7 milioni di utenti (-2,9%); i portali generalisti – General Interest Portals & Communities – sono stati visitati dall’86,7% degli utenti online, 36,5 milioni (-4%); i siti di news online raggiungono l’85% degli utenti, 35,7 milioni (-2,5%); i servizi di messaggistica istantanea raggiungono l’84,5% degli utenti, 35,5 milioni (-1,8%); la sottocategoria E-mail raggiunge l’80,3%, 33,8 milioni di utenti (-5%); l’ecommerce – Mass Merchandiser – raggiunge il 79,6%, con 33,5 milioni di utenti (-3,7%); i siti e le piattaforme di software – Software Manufacturers – il 78,2%, con 32,9 milioni (-5,7%).

______________________________________________
*Definizione di utenti unici.
Il numero di singole persone, deduplicate, che si sono collegate, in un determinato arco temporale, ad un sito e/o elementi di esso effettuando una o più visite.
Differiscono dai browser e visitatori unici in quanto rappresentano persone fisiche.
Degli utenti unici è analizzabile anche la sovrapposizione su di diversi siti, valutando quanto pubblico hanno in comune (sovrapposizione) e quanto ne hanno complessivamente al netto delle duplicazioni (unduplicated audience).
**Rispetto al dato dell’audience online nel mese, che ci dà un’idea della copertura del mezzo nel periodo di rilevazione, l’osservazione del dato dell’audience online nel giorno medio è importante poiché fornisce, tra le varie informazioni, indicazioni sulla frequenza di utilizzo del mezzo.
Cosa si intende per giorno medio
Il giorno medio indica, per il mese di riferimento, il numero medio di utenti unici giornalieri, che nel giorno hanno effettuato almeno un accesso a internet.
Come si calcola il giorno medio?
La somma degli utenti unici di ciascun giorno del mese osservato / numero dei giorni del mese = il numero medio di utenti unici giornalieri del mese di osservazione.
L’osservazione nel giorno medio fornisce, ad esempio, indicazioni sulla frequenza di utilizzo.
(1)La metodologia alla base del nuovo sistema Audiweb 2.0
Il nuovo sistema di rilevazione, Audiweb 2.0, realizzato in collaborazione con Nielsen, è basato su quattro fonti di dati: la fonte “censuaria”, basata sull’instrumentazione di un TAG/SDK (Software Development Kit di Nielsen) che consente la raccolta di dati relativi alla fruizione di tutti i contenuti online da differenti device e piattaforme e che, con le informazioni provenienti dal big data provider, è alla base della rilevazione Audiweb Daily / Weekly; i Big Data, le cui informazioni, validate dal Panel, contribuiscono all’attribuzione di età e genere all’audience e alla deduplica delle audience tra device.
A queste due fonti di rilevazione, si aggiunge la rilevazione Audiweb Panel. Alla base della produzione dell’Audiweb Database Respondent Level, la rilevazione Audiweb Panel è la misurazione che avviene attraverso un campione statisticamente rappresentativo della popolazione italiana, che ha installato un software meter nel proprio computer, smartphone e/o tablet e fornisce informazioni oggettive e dettagliate sulla fruizione dell’online, oltre a dati esclusivi sul profilo socio-demo degli utilizzatori della Rete. Le informazioni provenienti dalla rilevazione Panel vengono poi espanse all’intero universo della popolazione connessa grazie alle informazioni derivanti dalla nuova Ricerca di base congiunta con Auditel.
Il prodotto finale e più completo della fusione di tutte le fonti di dati del sistema è rappresentato dal nastro di pianificazione, Audiweb Database, che offre le informazioni sull’audience di tutta l’offerta online e i dati elementari di navigazione degli editori iscritti al servizio, con i profili socio-demografici degli utenti (= “Respondent Level”) – non solo per genere ed età, come per i dati “Daily” e Weekly”, ma offrendo anche le informazioni relative al livello di istruzione, alla condizione professionale, al tipo di occupazione, il numero dei componenti in famiglia, il reddito famigliare, l’area geografica, la regione di provenienza e, novità importante, la / il responsabile di acquisto -, arrivando a una rappresentazione dei comportamenti di fruizione per fascia oraria giornaliera di 3 ore.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast