Rai, Cda chiede che l’azienda abbia un ruolo su Rete Unica. “A garanzia di neutralità e sviluppo delle infrastrutture”

Il consiglio di amministrazione della Rai che si è riunito oggi a viale Mazzini presieduto da Marcello Foa alla presenza dell’amministratore delegato Fabrizio Salini, ha dato mandato all’unanimità all’AD di chiedere di partecipare a iniziative e tavoli, in particolare della componente pubblica, sulla Rete Unica perché la Rai abbia un ruolo a garanzia della neutralità della rete e dello sviluppo delle infrastrutture.

Fabrizio Salini (Foto ANSA)

La decisione, spiega una nota di Viale Mazzini,  è stata presa dopo l’audizione del Chief technology officer, Stefano Ciccotti. Il cda ha approfondito i temi relativi allo sviluppo della banda ultralarga attraverso le varie iniziative sulle quali la Rai è impegnata, tra cui la content delivery network, la sperimentazione del trasporto attraverso la partnership di Open Fiber dei contenuti in altissima definizione  su reti in fibra ottica, l’estensione dei servizi RAI nelle cosiddette aree bianche del Paese e la partecipazione dell’Azienda nelle attività di sviluppo del 5G nonché i rischi e le opportunità future che il progetto di Rete Unica UBB rappresenta per la RAI.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Juve, Real e Barcellona replicano alla Uefa:  Superlega avrà luogo quando sarà riconosciuta

Juve, Real e Barcellona replicano alla Uefa: Superlega avrà luogo quando sarà riconosciuta

Repubblica rivoluziona il lavoro in redazione. Dal 10 maggio spostato la mattina l’asse del giornale. Stop a “pigri automatismi”

Repubblica rivoluziona il lavoro in redazione. Dal 10 maggio spostato la mattina l’asse del giornale. Stop a “pigri automatismi”

Superlega. Accordo tra Uefa e 9 club per il reintegro. Juve, Real Madrid e Barça deferiti. Ceferin: club hanno riconosciuto loro colpa

Superlega. Accordo tra Uefa e 9 club per il reintegro. Juve, Real Madrid e Barça deferiti. Ceferin: club hanno riconosciuto loro colpa