La piattaforma Mia Digital debutta alla 77° Mostra del cinema di Venezia

Mia-Mercato Internazionale Audiovisivo  allo scopo di favorire nuove opportunità di finanziamento e di circolazione di prodotto audiovisivo, ha messo a disposizione dei progetti del Venice Gap-Financing Market del Venice Production Bridge una finestra digitale e innovativa, grazie alla nuova piattaforma Mia Digital.

Giancarlo Leone, presidente Mia

La sesta edizione del MIA, spiega una nota, si svolgerà, infatti, dal 14 al 18 ottobre 2020 a Roma e anche online. La manifestazione che rientra tra i primi eventi di mercato ‘misto’ dell’era post-Covid, si presenterà all’industria globale in una forma potenziata e rinnovata. Per anticipare i modelli di business e le sfide del prossimo futuro, il programma 2020 prevede una serie di attività sempre più profilate ed efficienti, organizzate in modo integrato tra i due ambienti del MIA: nei consueti spazi di Palazzo Barberini, pronti per accogliere nuovamente l’industria in sicurezza, e sulla piattaforma MIA DIGITAL, fondamentale strumento a potenziamento dell’esperienza di mercato.
Il format del MIA 2020 è concepito per rispondere non solo alle nuove esigenze sanitarie, ma soprattutto alle necessità dell’industria audiovisiva in rapido mutamento, che vede una progressiva digitalizzazione dei processi – ancor più amplificata dalle conseguenze del lockdown e dalla cancellazione di buona parte degli eventi di mercato nazionali e internazionali.

Nato, prosegue la nota, dalla consolidata joint venture e dall’impegno congiunto tra ANICA e APA, il MIA rappresenta quest’anno un appuntamento imperdibile a servizio dell’industria, grazie al rinnovato supporto da parte di tutte le istituzioni e le realtà coinvolte nel settore.

Tra queste confermano con forza il proprio sostegno il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, con l’ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’Internazionalizzazione delle imprese italiane, che accompagnano il MIA sin dal primo anno e sempre più svolgono un ruolo fondamentale per l’internazionalizzazione delle imprese del comparto audiovisivo in generale, in quanto asset strategico in grado di favorire la ripresa del paese.

Tra le collaborazioni che hanno segnato la storia del Mercato, si rinnova anche quella con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, che offre il proprio sostegno ad un’edizione 2020 totalmente rinnovata sia nel format, sia negli ambienti (digitale e fisici).

Tra i partner del MIA, Il Programma Europa Creativa – MEDIA, che riconosce nel Mercato uno degli eventi cardine del panorama europeo per la circolazione transnazionale delle produzioni della UE, veicolate attraverso i sales agents internazionali, oltre a favorire il networking su nuovi progetti produttivi internazionali per il cinema e la televisione.

Conferma il proprio supporto anche il Ministero dello Sviluppo Economico, che in particolare quest’anno, compie insieme al MIA un ulteriore passo in avanti, promuovendo, in sinergia con l’ICE e con il MAECI, un duplice percorso a sostegno dello sviluppo economico del comparto: da un lato, con il progetto Piano Export Sud – PES2, intende favorire l’accesso delle aziende audiovisive del Sud Italia al mercato internazionale, promuovendone la capacità creativa e produttiva ed evidenziandone il valore e le ricadute positive sul territorio. Dall’altro lato, vuole rispondere alle crescenti necessità dell’industria audiovisiva in rapido mutamento, appoggiando il percorso digitale del MIA e il suo programma dedicato alle industrie innovative, alle start up e alle nuove generazioni di imprenditori italiani.

In questa direzione, innovativa e tecnologica, va anche il sostegno, rinnovato e confermato, della Regione Lazio, che, in linea con il passato, apre una finestra all’interno del MIA per le imprese della regione, favorendo l’accesso al mercato di giovani talenti.

Confermano la collaborazione anche Unicredit, che sostiene con ancora più forza il mercato e i suoi contenuti; Apulia Film Commission; Fondazione Cinema per Roma; Eurimages; per questa edizione, MIA si avvale ancora una volta del contributo del Comitato Editoriale – un tavolo di ragionamento, aperto a tutte le associazioni di categoria: Associazioni Audiovisive Italiane – 100autori, AGICI, ANICA, APA, Cartoon it, CNA, Italian Film Commission, Doc/it, LARA, UNEFA.

Il MIA continua a muoversi come organismo sistemico, il cui approccio collaborativo con altre realtà del territorio ha permesso alla manifestazione di consolidare il proprio format negli anni: dalla prima edizione il Mercato, infatti, è cresciuto di quasi il doppio in termini di presenze e numero di contenuti presentati (+84% dal 2015), dal 2017 gli operatori registrati sono aumentati del 35%, dal 2018 del 20%. Nell’edizione 2019 sono state 2.600 le presenze a Palazzo Barberini in 4 giorni di mercato, tra panel, screenings, pitching forums e content showcase, di cui il 44% internazionali.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast