Juventus, via libera dal Cda ai conti 2019-20. Sponsorship rafforzate con Jeep e Allianz

Il Consiglio di Amministrazione di Juventus Football Club, sotto la presidenza di Andrea Agnelli, ha approvato il progetto di bilancio per l’esercizio chiuso al 30 giugno 2020, che sarà sottoposto all’approvazione dell’Assemblea degli Azionisti, convocata per il 15 ottobre 2020.

Andrea Agnelli (Foto AnsaI)

In calo i ricavi a 573,4 milioni rispetto ai 621,4 del precedente esercizio, con costi operativi di 414 milioni e ammortamenti e accantonamenti per 208, che hanno generato una perdita di 71,4 milioni di euro, con alcune, si legge in una nota del gruppo, “componenti economiche condizionate dalla pandemia di Covid19 sia sul fronte dei minori ricavi sia sulla riduzione dei costi”. L’incremento della perdita, spiega Repubblica (testata Gedi, gruppo Exor) deriva in parte dal calo dei ricavi operativi per 62,8 milioni e dall’aumento degli oneri da gestione diritti calciatori per 15,6 milioni, oltre ad una svalutazione sui contratti pluriennali per 25,8 milioni.

L’aumento di capitale promosso e concluso tra dicembre 2019 e gennaio 2020 ha permesso la riduzione dell’indebitamento finanziario netto, passato a 385,2 milioni dai 463,5 del precedente bilancio, anche se sono cresciuti gli esborsi legati al mercato, chiuso a -129,8 milioni di euro. Anche per l’esercizio in corso, il 2020/21, la società bianconera prevede una chiusura in perdita, che sarebbe la quarta consecutiva dopo il -19 del 2017-18, il -39,9 del 2018-19 e il -71 della stagione appena conclusa.
A bilancio, oltre alla riduzione degli introiti Champions rispetto agli anni precedenti, anche l’aumento della sponsorizzazione di Jeep per 25 milioni di euro all’anno per la passata e l’attuale stagione sportiva, oltre alla ridiscussione del contratto con Allianz.

Juventus ha infatti raggiunto un accordo di sponsorizzazione con Allianz per la visibilità sul training kit della Prima Squadra e alcuni diritti di sponsorizzazione legati al settore femminile, nonché l’estensione del naming right dello stadio per sette stagioni sportive, a partire dal 1° luglio 2023 e fino al 30 giugno 2030, a fronte di un corrispettivo di 103,1 milioni di euro che integra quanto previsto dagli accordi già in essere.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il consorzio Selenella sulle maglie del Bologna come secondo sponsor

Il consorzio Selenella sulle maglie del Bologna come secondo sponsor

Dazn e Discovery rinnovano la partnership per la trasmissione di Eurosport in 5 mercati

Dazn e Discovery rinnovano la partnership per la trasmissione di Eurosport in 5 mercati

Fih e Nagra lanciano Watch. Hockey, app dedicata a tutti gli appassionati della disciplina

Fih e Nagra lanciano Watch. Hockey, app dedicata a tutti gli appassionati della disciplina