TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social. In agosto primo Scanzi, secondo Tosa, terzo Mentana

Per il quinto mese consecutivo Andrea Scanzi è primo nella classifica dei giornalisti più popolari sui social stilata da Sensemakers per Primaonline sulla base dei dati di Shareablee. In agosto ha totalizzato 7,8 milioni di interazioni (like, commenti, condivisioni su Facebook, Instagram, Twitter e YouTube), più del doppio del secondo classificato. E ha sbaragliato tutti anche nelle video view, il numero di volte cioè che i suoi video sono stati visti su YouTube e Facebook: 17 milioni. Da diverse settimane la firma del Fatto Quotidiano sta primeggiatndo anche nelle classifiche dei libri più venduti con la sua ultima opera ‘I cazzari del virus’ (ovvero Renzi e Salvini), che ha bissato il successo del libro precedente ‘Il cazzaro Verde’, un ‘ritratto scorretto’ del leader della Lega. A metà agosto il giornalista ha creato un polverone su Twitter pubblicando una sua foto assieme al presidente del consiglio Giuseppe Conte che tiene in mano una copia di questo libro. E come se non bastasse ha vinto anche il premio speciale per la comunicazione ai Pegasus Literary Awards di Cattolica, che qualcuno ha definito “gli Oscar della letteratura italiana”.

Andrea Scanzi e il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, con uno dei libri di successo del giornalista

Scanzi stravince anche nella classifica dei best performing post (vedi la seconda tabella): sette su dieci dei post più popolari sono suoi. Quello che ha suscitato più interesse (165mila interazioni nella settimana successiva alla sua pubblicazione) è stato scritto in realtà da un altro giornalista, Pierpaolo Marchetti del Messaggero, e condiviso da Scanzi sul suo profilo Facebook; prende di mira i bastian contrari, quelli che remano contro a prescindere, e i tuttologi che proliferano sui social.

IN CASO DI RIPRESA SI PREGA DI CITARE E LINKARE PRIMAONLINE.IT

Il record di interazioni ce l’ha però un post di Lorenzo Tosa, che ha totalizzato 220mila interazioni. È dedicato a Ebru Timtik, l’avvocata turca morta in carcere dopo 238 giorni di sciopero della fame per difendere il suo diritto a un giusto processo. Tosa, entrato in classifica in luglio conquistando a sorpresa il secondo posto, mantiene la posizione con 3,3 milioni di interazioni, 1,1 milione in più del mese precedente. Ex addetto stampa dei Cinque Stelle in Liguria, uscito dal movimento due anni fa in polemica con le scelte del M5S allora alleato con la Lega , Tosa ha lanciato nel gennaio 2019 un blog, Generazione Antigone, per “recuperare la riflessione sui grandi temi scomparsi dal racconto giornalistico e dalla politica”, cioè “l’Europa, le migrazioni, diritti umani e la politica nei tempi della disintermediazione”. Sono questi i temi di cui parla sui social, partendo dal racconto di fatti emblematici, come la storia di Anna Grassellino, la giovane ricercatrice siciliana chiamata a guidare il Centro per i superconduttori di Chicago (121mila interazioni).

Un collage di Fabrizio Delprete, ripreso su Instagram da Lorenzo Tosa, contro gli eterni scontenti, che piangono miseria ma fanno la bella vita.

Le tre settimane di vacanza sulle Dolomiti hanno fatto bene a Enrico Mentana, che ha riguadagnato la terza posizione (2.4 milioni di interazioni). Mentana si è preparato anche ai prossimi appuntamenti televisivi, a partire dalla maratona del 21 settembre per seguire il referendum sul taglio dei parlamentari. Un tema che sta particolarmente a cuore al direttore del Tg La7 e di cui si è occupato più volte nei suoi commenti su Facebook e Instagram, è quello dei giovani: “Abbiamo chiuso le scuole, sbarrato in casa i ventenni e ora, con lo stop alle discoteche, diciamo loro cosa non devono fare, ma non indichiamo una strada”, ha scritto.

IN CASO DI RIPRESA SI PREGA DI CITARE E LINKARE PRIMAONLINE.IT

Contro la chiusura delle discoteche si è scagliato, con la sua solita veemenza, anche Nicola Porro, sceso in agosto dalla terza alla quarta posizione (1,9 milioni di interazioni). Ecco alcuni titoli dei suoi post sul blog Zuppa di Porro, ripresi anche sui social: “L’ultima dei ‘terroristi’ del virus: guerra alle discoteche”, “E alla fine chiusero le discoteche. Sono matti!”, “Discoteche, la nostra libertà va all’inferno”. Contro la “follia delle chiusure” Porro ha dato voce anche a Flavio Briatore, in difesa di un “principio di liberta”. La campagna è finita quando il proprietario del Billionaire è stato ricoverato all’ospedale San Raffaele di Milano ed è risultato positivo al Covid.
Il 31 agosto Porro è tornato, con l’abituale verve polemica, al timone di ‘Quarta Repubblica’, il talk show che conduce ogni lunedì in prima serata su Retequattro. Tra le novità del programma, Gene Gnocchi che fa commenti ironici – quanto mai opportuni – sul mondo dei social. La sua prima battuta è stata per Salvini: “Gli italiani sono molto preoccupati per la sua salute; è mezz’ora che parla e non ha ancora fatto un selfie o mangiato una mozzarella”.

Selvaggia Lucarelli sale un gradino rispetto a luglio e conquista il quinto posto, con 1,6 milioni di interazioni. Nel corso del mese la giornalista del Fatto Quotidiano non ha lesinato le critiche ai ‘furbetti’ del Coronavirus, come li ha definiti: vip e personaggi famosi che non hanno prestato attenzione alla possibilità di contagio e hanno affollato i locali alla moda, con il risultato che molti sono stati contagiati.

Sempre ben rappresentata la pattuglia dei giornalisti sportivi. Al sesto posto c’è Gianluca Di Marzio, grande esperto di calciomercato e conduttore di SkySport, che in agosto ha affiancato al sito gianlucadimarzio.com e ai canali su Facebook e YouTube, un profilo su Twitch con tutte le sue dirette video. Al decimo posto c’è Fabrizio Biasin, caporedattore del quotidiano Libero nonché tifoso dell’Inter. Al dodicesimo Alfredo Pedullà, anche lui grande esperto di calciomercato, di cui parla su alfredopedulla.com, nei programmi che conduce su Sportitalia assieme al direttore Michele Criscitiello e da agosto sul sito della Gazzetta dello Sport. Infine, al 13esimo posto c’è Romeo Agresti, il corrispondente della Juventus per Goal.com, il giornale online sul calcio del gruppo Dazn.

Il direttore del Fatto Quotidiano, Marco Travaglo, scende dal quinto al settimo posto. Perde una posizione il direttore della Verità, Maurizio Belpietro, quattordicesimo. Quindicesimo si conferma Gad Lerner.

Entra in classifica per la prima volta, all’undicesimo posto, Fabio Salamida, che collabora con diversi giornali online – da The Vision a Gli Stati Generali, dall’Huffington Post a TPI – ed è stato anche art director, collaboratore parlamentare e ghostwriter. Su Twitter scrive di sé: “Non tollero razzisti, omofobi e analfabeti funzionali”. L’ultima sua intervista, su TPI, è all’attore e scrittore Ascanio Celestini; il titolo: ‘Italiani di destra perché più ricchi dei migranti. Salvini è il testimonial di questa malattia’.

Concludiamo con un outsider, Fabrizio Delprete. Non è un giornalista ma è comunque un opinion leader, quanto meno sui web. Su Facebook si definisce “né personaggio pubblico, né blogger, né politico; semplicemente uno che scrive”. Attualmente lavora presso l’agenzia di comunicazione digitale The Washing Machine come social media manager, un’attività che rientra tra le mansioni del redattore web secondo i contratti collettivi. Insomma, se non è un giornalista poco ci manca. Sui social ha un seguito notevole: se fosse in classifica occuperebbe il quinto posto.

Per segnalazioni: cazzola@primaonline.it

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP100 Audiweb Week 9-15 novembre. Cresce l’audience delle news: Corriere sempre primo, salgono sul podio Fanpage e Messaggero

TOP100 Audiweb Week 9-15 novembre. Cresce l’audience delle news: Corriere sempre primo, salgono sul podio Fanpage e Messaggero

Audiweb Week, dati 9-15 novembre. Cresce l’audience per news e intrattenimento: broadcasters e siti food confermano trend positivo

Audiweb Week, dati 9-15 novembre. Cresce l’audience per news e intrattenimento: broadcasters e siti food confermano trend positivo

TOP15 INFLUENCER DI OTTOBRE. Chiara Ferragni e Fedez, Gianluca Vacchi e Sharon Fonseca: le famiglie crescono e spopolano sui social

TOP15 INFLUENCER DI OTTOBRE. Chiara Ferragni e Fedez, Gianluca Vacchi e Sharon Fonseca: le famiglie crescono e spopolano sui social