E’ in edicola e online ‘Domani’ di Carlo De Benedetti. “Democratico liberale che ha come priorità le diseguaglianze”

E’ in edicola da stamattina a un euro – e online all’indirizzo Editorialedomani.it – Domani, quotidiano edito da Carlo De Benedetti e diretto da Stefano Feltri.

“Si chiama Domani perchè invece di raccontare soltanto cos’è successo ieri, come i giornali di un tempo, ha l’ambizione di costruireinsieme ai suoi lettori un destino differente da quello prodotto dalla somma di scelte ed errori passati”, scrive il direttore nell’editoriale di esordio.
Il giornale, aggiunge Feltri, difenderà “le ragioni della democrazia liberale, nella quale decide la maggioranza, ma nel rispetto dei diritti di tutte le minoranze” mentre le priorità saranno “le disuguaglianze, vero ostacolo a una economia efficiente, oltre che equa”.

Dopo la fase di avvio finanziata da Carlo De Benedetti,  le azioni del giornale, spiega Feltri, passeranno a una fondazione che garantirà risorse e autonomia. L’obiettivo unico dell’azienda (e della fondazione) è realizzare questo giornale. “Non si tratta però di un progetto filantropico: i giornali esistono se hanno lettori che li comprano in edicola e che si abbonano on line. Avremo anche la pubblicità”.

Progetti grafici realizzati dallo studio Wenceslau News Design di Barcellona, il quotidiano è stampato e diffuso da Rcs Mediagroup, la raccolta pubblicitaria per l’edizione cartacea è gestita internamente (se ne occupa Federica Mariani ), quella digitale è affidata a Movingup.

La prima pagina dell’edizione cartacea

La prima home page del Domani

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast