Francia, Macron affida a Leonarduzzi (Publicis) la responsabilità della comunicazione all’Eliseo

Emmanuel Macron continua a rinnovare parte del suo team all’Eliseo con le partenze del suo consigliere speciale Philippe Grangeon e del suo consulente per le comunicazioni Joseph Zimet, secondo quanto si apprende dalla Gazzetta ufficiale di martedì 15 settembre.

Clément Leonarduzzi (foto Linkedin)

Il responsabile della comunicazione, Joseph Zimet, che si dimetterà il 21 settembre, è sostituito da Clément Leonarduzzi, presidente di Publicis Consultants, sezione Influence del gruppo Publicis e specialista in gestione delle crisi. La Gazzetta ufficiale annincia anche la nomina di Brice Blondel, che ha appena lasciato l’incarico di prefetto degli Hautes-Pyrénées, a capo di stato maggiore di Emmanuel Macron in sostituzione di François-Xavier Lauch, divenuto vice capo di gabinetto di Gerald Darmanin al ministero degli interni.
Philippe Grangeon, annunciando il suo ritiro ha precisato: “Non c’è interpretazione politica” in questa decisione, “è una scelta di vita” e “era chiaro fin dall’inizio che sono entrato all’Eliseo per un certo periodo e su base volontaria”. Già capo del CFDT e poi di En Marche dalla sua creazione, Philippe Grangeon è stato incaricato all’inizio del 2019 di aiutare Emmanuel Macron a lanciare l ‘”atto 2″ del suo mandato quinquennale in occasione del “grande dibattito” seguito alla crisi “gilet gialli”.

Una fonte governativa aveva detto all’Afp a luglio che Emmanuel Macron voleva con questi cambiamenti per “dotarsi all’Eliseo di una nuova squadra di commando, incaricata di fornire risultati, migliorare la leggibilità e la narrazione dell’azione pubblica della presidenza e prepararsi per la campagna 2022 “.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast