Premier, i club trattano con il governo per riaprire gli stadi: a porte chiuse perdite da 100 milioni di sterline al mese

Reduce dalla prima giornata della nuova stagione, anche la Premier League si trova a dover affrontare il problema dell’apertura degli stadi. Dopo aver bocciato l’ipotesi di aprire gli impianti a un massimo di mille tifosi, come previsto dai protocolli nazionali – numero che secondo la lega non fornirebbe giusti riscontri oltre a provocare pesanti perdite economiche per i club -, per il campionato inglese si apre un nuovo spiraglio grazie per la ripresa delle trattative con il governo.

(Foto Ansa – EPA/PETER POWELL)

Secondo quanto riporta la Bbc, in settimana i dirigenti del calcio si incontreranno con i rappresentanti di Downing Street per scrivere un piano dettagliato, da attuare a partire dal 1 ottobre. A rappresentare il governo di Boris Johnson è Oliver Dowden, segretario di Stato allo sport.

“Non reggeremo a una nuova stagione senza pubblico”, avrebbero detto in Premier, con i club che, secondo le stime, perdono circa 100 milioni di sterline al mese con le porte chiuse.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Agcom aggiorna piano numerazione automatica canali dtt (Lcn) confermando attuale ripartizione. Siddi (CRTV): governo riprenda in mano il processo

Agcom aggiorna piano numerazione automatica canali dtt (Lcn) confermando attuale ripartizione. Siddi (CRTV): governo riprenda in mano il processo

Dalla Ue 507 milioni per la ricerca innovativa, 8 atenei italiani coinvolti. Italia quarta per nazionalità dei ricercatori

Dalla Ue 507 milioni per la ricerca innovativa, 8 atenei italiani coinvolti. Italia quarta per nazionalità dei ricercatori

Stefano De Alessandri confermato ad dell’Ansa. Nominato anche il nuovo Comitato esecutivo

Stefano De Alessandri confermato ad dell’Ansa. Nominato anche il nuovo Comitato esecutivo