Domani, De Benedetti, Zanda e Feltri presentano il giornale al presidente Mattarella

Nel giorno del debutto in edicola e online, ‘Domani’ è stato presentato al Quirinale al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. All’incontro hanno preso parte il direttore responsabile, Stefano Feltri, il Presidente del Consiglio di Amministrazione, Luigi Zanda, e l’editore Carlo De Benedetti.

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con Stefano Feltri (Foto Ansa/Francesco Ammendola)

“Il presidente ritiene che una nuova voce sia un passo avanti per la democrazia”, ha raccontato poco dopo l’incontro De Benedetti, ospite di Lilli Gruber a ‘Otto e Mezzo’ su La7. “Se nasce un giornale, specialmente in un periodo in cui i giornali tendono piuttosto a ridimensionarsi, gli fa piacere, indipendentemente da quali saranno i contenuti del giornale”.

Sergio Mattarella con Stefano Feltri, Carlo De Benedetti e Luigi Zanda (Foto Ansa/Francesco Ammendola)

Quello con il presidente Mattarella non è stato l’unico incontro con le istituzioni per il nuovo quotidiano. Nel pomeriggio il sottosegretario all’editoria, Andrea Martella, ha fatto visita alla redazione del quotidiano. “Quando nasce un nuovo giornale è sempre una notizia positiva per la democrazia e per il pluralismo dell’informazione. In bocca al lupo a Domani e al direttore Stefano Feltri”, ha scritto poi su Twitter.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast