Stefan Kastenmüller, direttore generale per l’Europa di Sesame Workshop

Il 16 settembre 2020, Sesame Workshop, l’organizzazione no-profit di media production e progetti educativi a cui fa capo Sesame Street, ha scelto Stefan Kastenmüller per la posizione appena creata di direttore generale per l’Europa. La sua assunzione, spiega una nota del gruppo, segna il primo passo degli investimenti della società nel continente, coinvolgendo diversi paesi, tra cui anche l’Italia.

Nel ruolo, Kastenmüller è responsabile dello sviluppo e dell’implementazione di una visione strategica a lungo termine nella regione, espandendo il brand e l’attività commerciale di Sesame Workshop, con un focus sulla creazione di partnership nella propria area di riferimento, che include prodotti di largo consumo, produzione e distribuzione di contenuti per bambini, progetti formativi e di apprendimento dell’inglese, intrattenimento a tema.

Laureato presso l’Università di Bayreuth, Kastenmüller ha più di 25 anni di esperienza nello sviluppo di brand e attività commerciali per diversi intellectual property del mondo attraverso i media tradizionali e digitali. Prima di entrare a far parte di Sesame Workshop, è stato senior vice president e group general manager Emea di Wwe; ha ricoperto ruoli dirigenziali presso MTV Europe di Viacom, Ringier AG, UFA Film & Fernseh (Fremantle /RTL Group) e Disney TV Channel Networks – Jetix Europe.
Kastenmüller offre servizi di consulenza attraverso la Nautilus Consulting GmBH.

Stefan Kastenmüller

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Luciano Maria Gandini, responsabile relazioni esterne e comunicazione di gruppo di Amiu Genova

Luciano Maria Gandini, responsabile relazioni esterne e comunicazione di gruppo di Amiu Genova

Eugenio Cecchin, managing director di Bmi Italia

Eugenio Cecchin, managing director di Bmi Italia

Alessandro Profumo alla guida di Asd. “Riconoscimento importante per Leonardo e per l’Italia”

Alessandro Profumo alla guida di Asd. “Riconoscimento importante per Leonardo e per l’Italia”