A Carla Vanni, direttrice del Grazia International Network, il Tao Award per il giornalismo

È un riconoscimento all’eccezionale carriera di Carla Vanni al settimanale della Mondadori Grazia, che ha diretto dal 1978 al 2006 per poi passare alla direzione del network internazionale, il Tao Award Excellence per il giornalismo, uno dei premi che ogni anno vengono assegnati nell’ambito della rassegna Taomoda promossa dalla Regione Siciliana e patrocinata dalla Camera nazionale della moda.

Carla Vanni

Carla Vanni dirige il Grazia International Network dal 2005, anno in cui è nata la prima edizione estera, Grazia Uk, seguita da 18 edizioni nel mondo tra Europa, Australia, Messico e Asia, dove primeggia l’edizione cinese. Nel suo ruolo di direttrice del network, Vanni si è occupata in prima persona di ogni nuova testata a partire dalla fase di progettazione, per trasmettere e garantire quello stile del brand che in armonia con le peculiarità culturali di ogni Paese deve rendere riconoscibile Grazia ad ogni latitudine.

Oggi, secondo i dati di Mondadori, il brand Grazia può contare su una community internazionale di 15 milioni di lettrici con oltre 10 milioni di copie diffuse al mese, 35 milioni di utenti unici sull’insieme dei siti web e circa 20 milioni di follower sui social media.

Laureata in legge alla Statale di Milano, Carla Vanni ha iniziato a lavorare come giornalista nella redazione moda di Grazia per poi dirigere il settimanale dal 1978 al 2006. Ha inoltre ideato e diretto Grazia Casa ed è stata direttrice editoriale di Marie Claire, Cento Cose Energy, Donna Moderna. Nel corso della sua carriera ha vinto numerosi premi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza