Conflitto di interessi nell’informazione, Lorusso replica a Crimi: serve una legge, ma la sua visione non difende il pluralismo

Commentando i risultati del referendum, Vito Crimi ha passato in rassegna le riforme che i 5 Stelle intendono portare avanti, citando tra queste il “conflitto di interessi”. “Non ci fermeremo, l’informazione è il cuore pulsante di questo Paese e deve essere libera dagli interessi dei privati”, ha detto il capo politico del movimento, che durante il primo mandato di Conte è stato anche sottosegretario con delega all’editoria.

Raffaele Lorusso (Foto ANSA / CIRO FUSCO)

A stretto giro, il segretario della Fnsi, Raffaele Lorusso, ha commentato con AdnKronos le sue parole. “Premesso che in Italia non esiste una legge sul conflitto di interessi nell’informazione e sarebbe il caso che ci fosse, una qualsiasi normativa in tal senso però dovrebbe inserirsi nel contesto delle norme dei Paesi occidentali”, ha detto, criticando però la “la visione di Crimi”, che a suo dire “non punta a difendere il pluralismo ma, come ha dimostrato quando si è occupato di editoria, a colpire il pluralismo, chi fa informazione libera e chi non la pensa come lui”.

“Aaveva promosso di fatto la chiusura di Radio Radicale, aveva gettato le basi per la chiusura definitiva di tante piccole realtà come i piccoli giornali ma anche quelli di cooperativa”, ha attaccato ancora Lorusso. “La sua visione, ha rimarcato in conclusione, “punta a cancellare l’informazione perché il suo modello deve passare attraverso l’eterodirezione dell’opinione pubblica mediante piattaforme digitali a cominciare da Rousseau”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Sanremo 2021, seconda serata: Ama e Fiore crollano in Calabria, Liguria, Campania e Lombardia. Puglia, Marche e Sicilia non bastano

Sanremo 2021, seconda serata: Ama e Fiore crollano in Calabria, Liguria, Campania e Lombardia. Puglia, Marche e Sicilia non bastano

In forte aumento le minacce ai giornalisti. L’anno scorso 163 atti intimidatori, +87%. Lamorgese: massima attenzione

In forte aumento le minacce ai giornalisti. L’anno scorso 163 atti intimidatori, +87%. Lamorgese: massima attenzione

Radio. Brutto inizio anno per la raccolta pubblicitaria, a gennaio -34,5%. Fcp Assoradio: previsioni difficili a causa di dinamiche contrapposte

Radio. Brutto inizio anno per la raccolta pubblicitaria, a gennaio -34,5%. Fcp Assoradio: previsioni difficili a causa di dinamiche contrapposte