Pier Ezhaya, presidente di Astoi Confindustria Viaggi e del Fondo Astoi a Tutela dei Viaggiatori

Il 23 settembre 2020, Pier Ezhaya, chief operating officer di Alpitour World , è stato nominato nuovo presidente di Astoi Confindustria Viaggi e del Fondo Astoi a Tutela dei Viaggiatori per il mandato 2020-2022, al posto di Nardo Filippetti. Andrea Mele è vice presidente vicario, e Marco Peci vice presidente.

Ezhaya, è un personaggio di spicco del mondo del turismo sia per il gruppo che rappresenta, sia per il suo attivismo e carisma, che gli ha fatto accettare di assumere la presidenza nel momento peggiore che il settore dei viaggi, tour operator, abbia mai attraversato, drammaticamente bloccato dall’epidema di Covid.

Pier Ezhaya

Ezhaya spiega cosa ha in mente di fare nel suo discorso di insediamento: “Assumo questo incarico con grande senso di responsabilità conscio che porta con sé l’onore di rappresentare un’associazione così prestigiosa ed importante, ma anche l’onere di difenderla nel momento più difficile che sta attraversando il turismo. L’incertezza sulla ripresa e le incognite che abbiamo davanti sono impegnative ma questo settore ha dimostrato una capacità di reazione straordinaria e nei momenti più difficili ha sempre saputo uscire dalle crisi con coraggio e determinazione”.

“L’inizio del mio mandato, sottolinea, sarà caratterizzato da una forte relazione con le istituzioni politiche. La nostra Associazione si è battuta alacremente per l’ottenimento di fondi a sostegno del settore e quanto ottenuto fino ad oggi dal Governo è qualcosa ma, purtroppo, non basta; nessun comparto può sopravvivere a un così lungo periodo a fatturato zero. È perciò fondamentale continuare ad avere il supporto e il sostegno da parte delle istituzioni. Anche in queste settimane sono in essere importanti interlocuzioni con il Ministero degli Affari Esteri volte a studiare modalità di ripresa progressiva e graduale per far ripartire i viaggi in sicurezza e con le necessarie tutele sanitarie”.

“Considero inoltre fondamentale fare squadra non solo in Associazione, ma nel mercato e in particolare nella filiera. Per avere maggiori tutele, relazioni stabili e forti con le istituzioni e il Governo, la filiera dovrà mostrarsi compatta e superare schemi di parte a favore del bene comune. Dobbiamo avere una voce forte e univoca, che possa essere ascoltata con l’attenzione che merita.

È importante altresì intensificare le relazioni e il confronto con le Associazioni del turismo dei diversi Paesi Europei”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rachel Launay, country director Italy del British Council

Rachel Launay, country director Italy del British Council

Credaro, Da Pozzo, Di Dio, Garosci, Palenzona, Pinzger, vicepresidenti Confcommercio

Credaro, Da Pozzo, Di Dio, Garosci, Palenzona, Pinzger, vicepresidenti Confcommercio

Claudio Longhi, ecco la ‘direzione’ che prenderà il Piccolo Teatro

Claudio Longhi, ecco la ‘direzione’ che prenderà il Piccolo Teatro