TikTok, secondo il giudice che ha bloccato il bando sull’app dal divieto potenziale abuso di potere

Il governo Usa avrebbe potenzialmente mostrato un abuso di potere sulle questioni relative alla sicurezza nazionale. E’ quanto deliberato dal giudice federale Carl Nichols – della Corte distrettuale di Washington D.C. – che ha sospeso il divieto di scaricare TikTok promosso dall’amministrazione Trump.

Nel verdetto, il giudice ha spiegato che l’International Emergency Economic Powers Act (Ieepa) degli anni ’70, che il presidente Trump ha invocato per emanare l’ordine, proibisce le restrizioni agli scambi di materiale informativo.
Nella sentenza, si è schierato con i legali di TikTok e con la sua controllante, ByteDance, nel determinare che le restrizioni previste dal divieto “superano presumibilmente i limiti legali proscritti dallo Ieepa”.
Secondo Nichols il governo ha “fornito ampie prove per dimostrare che la Cina rappresenta una grossa minaccia alla sicurezza nazionale”. Tuttavia, la minaccia rappresentata da TikTok e la necessità di una messa al bando “rimangono meno sostanziali”.

cco (Foto di antonbe da Pixabay)

Inoltre, il giudice ha puntualizzato che bandire i download di TikTok mentre i legali dell’app discutono della legge in tribunale danneggerebbe la sua attività congelando la base utenti, colpendo le attività di assunzione del personale e le relazioni con i partner commerciali e gli inserzionisti.

“TikTok ha presentato prove inequivocabili che l’incertezza sulla disponibilità presente e futura dell’app ha portato e porterà i creatori di contenuti e i fan verso altre piattaforme”, ha continuato Nichols. “La natura dei social media è tale che gli utenti che hanno abbandonato una piattaforma è improbabile che tornino sui loro passi”.

Il verdetto concede più tempo a ByteDance per ottenere l’approvazione da Washington e Pechino per un accordo che porterebbe alla nascita di una nuova società con sede negli Stati Uniti, TikTok Global, in partnership con Oracle, Walmart e altri investitori. Il deal aggiungerebbe maggiori garanzie alla tutela della protezione dei dati ed annullerebbe le restrizioni sulle operazioni statunitensi di TikTok.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cairo: Per La7 20 anni di successi. La rete fa servizio pubblico, meritiamo anche noi una piccola quota di canone 

Cairo: Per La7 20 anni di successi. La rete fa servizio pubblico, meritiamo anche noi una piccola quota di canone 

Tgcom24 è il sito di news più letto nell’anno della pandemia, Ansa ancora prima per affidabilità (con la fiducia dell’82% degli italiani)

Tgcom24 è il sito di news più letto nell’anno della pandemia, Ansa ancora prima per affidabilità (con la fiducia dell’82% degli italiani)

In Hearst Italia grande adesione al piano di incentivi per dimezzare i dipendenti

In Hearst Italia grande adesione al piano di incentivi per dimezzare i dipendenti