«Abbiamo aiutato 2,5 milioni di persone a registrarsi al voto»: l’impegno di Facebook per le elezioni Usa

Notizie e approfondimenti quotidiani sul digitale a cura di Reputation Manager, la società di riferimento in Italia per l’analisi, la gestione e la costruzione della reputazione online.

Facebook alla prova delle Presidenziali Usa. Il colosso di Menlo Park ha «aiutato finora 2,5 milioni di persone a registrarsi al voto su Facebook, Instagram e Messenger», tramite un Centro informazioni sul voto avviato lo scorso agosto negli Usa, e «da marzo a maggio abbiamo rimosso più di 100 mila contenuti sulle nostre piattaforme per aver violato le nostre regole sulle interferenze politiche». A dichiararlo, il vicepresidente degli Affari globali dell’azienda Nick Clegg.

L’influencer canadese che insegna calligrafia. Si chiama Amanda Rach Lee, ha 22 anni ed è diventata una star del web grazie ai video in cui insegna calligrafia. Oggi può contare su 2,8 milioni di appassionati nelle diverse piattaforme social1,91 milioni su YouTube, circa 682 mila su Instagram e più di 23 mila su Twitch.

«Il veleno dell’invidia si amplifica via social». È il veleno dell’invidia, secondo Claudio Mencacci, direttore del Dipartimento di Neuroscienze e salute mentale del Fatebenefratelli di Milano, ad essersi insinuato nella mente del giovane che ha ucciso la coppia di Lecce. Un fenomeno amplificato anche dai social, dice il professore: «Viviamo in una fase di incertezza e di un rancore sociale sottostante che si manifesta verso situazioni di carattere relazionale ed economico. La felicità è oggi più oggetto di invidia perché si vede sui social dove tutti sembrano possederla o vogliono almeno farlo credere». Una prospettiva condivisa anche dallo psichiatra Vittorino Andreoli su La Stampa: «Purtroppo viviamo nell’epoca dei like e dei follower, per cui il nostro valore dipende non da ciò che siamo, ma da come e quanto siamo graditi».

 

Will, giornalismo per giovani. Alessandro Tommasi, socio e cofondatore di Will_ita assieme a Imen Boulahrjane, spiega a Italia Oggi il ruolo della testata d’informazione presente solo su Instagram e Facebook, ossia «fare da cerniera tra adulti e giovani. Non inseguiamo la cronaca ma cerchiamo di fare divulgazione parlando di sostenibilità, ambiente, consumo critico, economia e tecnologie». Per quanto riguarda il modello di business, Will_ita pensa di sostenersi a regime con la produzione di branded content e punta in futuro a espandersi nei documentari. Ha attirato fondi per 1,2 milioni di euro e stima di chiudere il suo primo esercizio con ricavi sui 300-­400 mila euro.

Nel solo 2019 sono state bloccate oltre 13 miliardi di e-mail nocive e sospette, un miliardo delle quali conteneva URL appositamente creati per lanciare attacchi di phishing volti al furto di credenziali. Le minacce per i dispositivi IoT sono in costante crescita ed evoluzione. La prima metà del 2020 ha visto un aumento di circa il 35% nel totale degli attacchi di questo tipo rispetto alla seconda metà del 2019. Sono questi i dati salienti del nuovo Digital Defense Report di Microsoft, che analizza le principali minacce informatiche a livello globale riscontrate nel corso dell’ultimo anno.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020