Sadoun ai dipendenti Publicis: “Torneremo in ufficio. Dallo smart working, abbiamo imparato tutto quello che c’era da imparare…”

Un messaggio del ceo e chairman di Publicis Group, Arthur Sadoun – un video dagli uffici di Chicago – è stato recapitato oggi nella posta elettronica di tutti i dipendenti della multinazionale francese. Tema, l’assetto e le condizioni di lavoro dei mesi prossimi venturi. “Noi non saremo mai una ‘Zoom company’, ma neanche un’azienda con tutti i suoi dipendenti presenti al 100% in ufficio” ha spiegato Sadoun. Che in queste settimane ha sentito tutti i suoi riferimenti aziendali in giro per il mondo e si è fatto un’idea di quanto la situazione sia complessa e articolata. E difficile da gestire con un univoco sistema di regole. Almeno in questa fase. Sadoun ha affermato che fino a quando non ci sarà un vaccino, il personale dovrebbe essere libero di decidere cosa è giusto per loro e per la loro situazione, ei leader dovrebbero essere flessibili e mettere la sicurezza al primo posto a livello locale. Attualmente, i dipendenti di Publicis in Cina sono tornati in ufficio; in Europa la quota di rientri è del 20% e negli Stati Uniti solo del 3%. Nel video (https://www.youtube.com/watch?v=gCkBSCK6nLQ&feature=emb_logo) Sadoun sottolinea la differenza tra la sua azienda e Twitter o Netflix e, soprattutto, le posizioni dei rispettivi capi, con i vertici del social fautori del lavoro da casa e Red Hastings che invece considera negativa questa condizione.

“Quando la sicurezza sarà garantita i dipendenti lavoreranno primariamente in ufficio, ma l’home working e la piattaforma di intelligenza artificiale Publicis Marcel saranno parte integrante della nuova routine lavorativa quotidiana. Anche se abbiamo imparato a lavorare in modo efficace da remoto, abbiamo anche visto i suoi limiti. Abbiamo esaurito tutto ciò che il lavoro a distanza può insegnarci” ha rimarcato il manager. E ha quindi sottolineato: “I nostri uffici saranno ancora una volta il centro e il cuore pulsante della vita lavorativa. Siamo nel business delle persone, dove la collaborazione, le interazioni umane e le interazioni creative intelligenti sono fondamentali per ciò che facciamo e realizziamo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020