Playboy torna a quotarsi. Per il brand valutazione da 415 milioni di dollari

Playboy tornerà a quotarsi sul mercato attraverso la fusione con una Spac (Special Purpose Acquisition Company) con un accordo che ha attribuito al marchio dell’iconica rivista per adulti un valore di 415 milioni di dollari.

Playboy, che era stata privatizzata nel 2011 dal fondatore Hugh Hefner e dalla società di private-equity Rizvi Traverse, farà nuovamente il suo debutto in Borsa attraverso la fusione con Mountain Crest Acquisition, una Spac costituita all’inizio dell’anno e quotata sul Nasdaq.

Come parte dell’accordo, Playboy riceverà 58 milioni di dollari raccolti da Mountain Crest, in aggiunta ai proventi di un investimento privato in capitale pubblico di 50 milioni di dollari da parte degli investitori istituzionali. Dopo la transazione, gli attuali proprietari di Playboy manterranno il controllo del 66% della società.

Il primo numero di Playboy, dalla collezione di Hefner (Foto Ansa – EPA/MIKE NELSON)

Secondo i termini del deal, gli azionisti di Playboy riceveranno circa 23,9 milioni di azioni di Mountain Crest del valore di 10 dollari ciascuna e Mountain Crest assumerà un debito in essere di circa 142 milioni usd per un prezzo di acquisto totale di circa 381 mln usd.

Una volta ottenuta l’approvazione della Sec, la Securities and Exchange Commission, tra 60-90 giorini, Mountain Crest cambierà il suo nome in Playboy e i titoli saranno scambiati con il simbolo PLBY.

Dalla morte di Hefner, avvenuta nel 2017, Playboy ha abbandonato l’editoria per diventare più che altro un’attività commerciale e di licenza del marchio. La famiglia Hefner ha venduto la sua partecipazione del 35% nella società a Rizvi Traverse nel 2018 per 35 milioni di dollari.
All’inizio di quest’anno, Playboy ha smesso di pubblicare la rivista, dopo 70 anni di attività. Lo scorso febbraio, la società ha acquisito Yandy.com, un’attività online di abbigliamento e accessori per adulti con un ampio elenco di clienti e una considerevole infrastruttura di distribuzione e adempimento.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020