TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE secondo Audiweb. In agosto cresce l’interesse per le news. In testa sempre Repubblica, Corriere della Sera e TgCom24

La total digital audience nel giorno medio in agosto è nel complesso in leggera flessione rispetto al luglio (-0,7%), ma per i siti di informazione le cose sono andate un po’ meglio, dicono gli ultimi dati di Audiweb Database: la categoria Current event & Global news – che raggruppa i siti di giornali, Tg e agenzie – è cresciuta dell’1,5%, raggiungendo 36,3 milioni di utenti mensili. Per i principali brand di informazione le cose però sono andate molto meglio, come mostra la tabella, a conferma che agosto è sempre un mese interessante per l’informazione online.

Sui cento brand della nostra classifica 64 sono in crescita rispetto a luglio, tre sono stazionari, 33 in calo. In alcuni casi si tratta di crescite molto rilevanti, addirittura a tre cifre. Bisogna però tenere conto che tra la fine di luglio e l’inizio di agosto diversi siti hanno aggiunto i tag per la rilevazione delle Accelerated mobile page (Amp) di Google, cosa che ovviamente ha fatto schizzare all’insù l’audience. È quanto hanno fatto, per esempio, diversi brand del network di Web365, come Calciomercato.it, Automotori News, CheNews.it, Youmovies.it e Meteoweek (vedi l’elenco completo nelle note al piede della tabella). Anche La Gazzetta dello Sport ha aggiunto i Tag Amp alle sue pagine e lo stesso hanno fatto Dagospia e Dday.it, questi due ultimi però senza ottenere apparentemente alcun vantaggio (il loro traffico infatti è diminuito).

Escludendo questi casi particolari, gli exploit più notevoli tra i quotidiani li hanno fatti Il Giornale (+66%), Il Fatto Quotidiano (+32%), La Stampa (+23%), Il Messaggero (+18%) e diverse testate locali, in particolare del Sud, come La Gazzetta del Mezzogiorno (+47%), La Sicilia (+46%), l’ Unione Sarda (+44%), il Giornale di Sicilia (38%), La Gazzetta del Sud (+26%). Tra le testate native digitali sono andati molto bene Business Insider (+42%), TPI (+35%), Fanpage (+24%) e Il Post (+20%). Bene anche l’agenzia di informazione Agi (+36%), Rai News (+57%) e alcuni siti sportivi come Calciomercato.com (+31%) e IlBiancoNero (+78%).

IN CASO DI RIPRESA SI PREGA DI CITARE E LINKARE PRIMAONLINE.IT

Invariate le prime cinque posizioni in classifica rispetto a luglio. In testa c’è sempre la Repubblica con 3,6 milioni di utenti unici complessivi (+15%); secondo Il Corriere della Sera con 3,3 milioni (+10%), terzo TgCom24 (2,4 milioni, +1%), quarta La Gazzetta dello Sport (2,3 milioni, +14%), quinto Il Messaggero (2.1 milioni, +19%). Il Fatto Quotidiano guadagna due posizioni e sale al sesto posto (+32%); settimo è Fanpage, in crescita del 24%; la Stampa sale quattro gradini ed è ottava; chiudono la top ten il portale Virgilio e Giallo Zafferano.

Se consideriamo solo l’audience organica, escludendo le TAL, cioè gli accordi di trasferimento di traffico tra gli editori, Il Fatto Quotidiano sale al quarto posto e Fanpage al quinto.
Scendono invece Il Messaggero, La Gazzetta dello Sport e Virgilio, che si avvalgono di numerose ‘Traffic Assignement Letter’ (vedi l’elenco nella nota in coda alla tabella).

Per segnalazioni: cazzola@primaonline.it

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP INFLUENCER ITALIA, POST e PAID POST. A settembre sul podio Ferragni, Autogol e Rossi. In calo i contenuti dei personaggi più famosi

TOP INFLUENCER ITALIA, POST e PAID POST. A settembre sul podio Ferragni, Autogol e Rossi. In calo i contenuti dei personaggi più famosi

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social. In settembre Scanzi primo con quasi 7 milioni di interazioni e 14 mln video views. Seguono Tosa e Mentana

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social. In settembre Scanzi primo con quasi 7 milioni di interazioni e 14 mln video views. Seguono Tosa e Mentana

Pubblicità in crescita del 7% in agosto ma da inizio anno pesa il lockdown, -17,7%. Nielsen: confermata inversione di tendenza

Pubblicità in crescita del 7% in agosto ma da inizio anno pesa il lockdown, -17,7%. Nielsen: confermata inversione di tendenza