Recovery Fund: il settore audiovisivo chiede di avere una parte dei fondi europei destinati  al digitale 

Le numerose associazioni del settore chiedono al Governo  di impegnarsi a livello europeo perche ‘ nel 20% dei fondi da destinare al digitale siano comprese anche risorse  per la produzione e distribuzione di contenuti audiovisivi e media.

 

  All’istanza  a firma dei Presidenti Franco Siddi (CRTV) e Francesco Rutelli (ANICA) si sono uniti i presidenti di altre associazioni di settore: Giancarlo Leone (APA), Marco Valerio Pugini (APE) e Anne Sophie Vanhollebeke (CARTOON ITALIA). La lettera ai ministri competenti chiede, partendo dalle difficoltà di sistema indotte dal Covid-19, una particolare attenzione a un’industria che per coefficiente di creatività, innovazione permanente e valore identitario ha un ruolo fondamentale nell’agenda digitale italiana ed europea e un alto potenziale a livello internazionale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editori Ue vs Google: non vendere pubblicità basata su tracciamento utenti sconvolgerà business della stampa e favorirà monopolio dati

Editori Ue vs Google: non vendere pubblicità basata su tracciamento utenti sconvolgerà business della stampa e favorirà monopolio dati

Sanremo 3° serata: giù anche i duetti. Festival fighetto? Ama e Fiore resistono sul pubblico abbiente. Classe mediobassa in fuga

Sanremo 3° serata: giù anche i duetti. Festival fighetto? Ama e Fiore resistono sul pubblico abbiente. Classe mediobassa in fuga

Google aumenterà del 2% il costo della pubblicità in Francia e Spagna per compensare il costo della digital tax

Google aumenterà del 2% il costo della pubblicità in Francia e Spagna per compensare il costo della digital tax