Digital tax. Ocse: negoziati a rilento per divergenze politiche. Angel Gurria: senza accordo rischio guerra commerciale

Le trattative sull’ipotesi di un accordo globale di tassazione dei giganti digitali sono andate “a rilento” a causa di “divergenze politiche” ma anche per l’emergenza Covid. In un rapporto di aggiornamento delle attività su questo fronte, l’Ocse tuttavia parla anche i “vedute convergenti” sui punti chiave di questo percorso. “Sono state identificati gli aspetti tecnici e politici su cui permangono divergenze da chiudere – si legge – e i prossimo passi sul processo negoziale multilaterale”.

Angel Gurria (Foto Ansa)

E presentando lo studio Angel Gurria, segretario generale dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha ribadito che in assenza di una intesa si rischiano tassazioni nazionali differenziate seguite da misure di rappresaglia di altri Paesi e “in definitiva alla fine si scatenerebbe una guerra commerciale. Che è sempre una cosa negativa”, ha detto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Pogba come Ronaldo, ma con la birra. In conferenza stampa fa sparire la bottiglia di Heineken dal tavolo 

Pogba come Ronaldo, ma con la birra. In conferenza stampa fa sparire la bottiglia di Heineken dal tavolo 

Gubitosi (Tim): Il futuro della tv è nello streaming. Ci sarà tanta domanda di eventi e nuova tecnologia

Gubitosi (Tim): Il futuro della tv è nello streaming. Ci sarà tanta domanda di eventi e nuova tecnologia

Boom del mercato del libro (+44%) nei primi 5 mesi del 2021, oltre 39 milioni di copie vendute. Fumetto super a +182%

Boom del mercato del libro (+44%) nei primi 5 mesi del 2021, oltre 39 milioni di copie vendute. Fumetto super a +182%