L’Ue pensa a regole più stringenti per le big tech, per frenare il loro potere sul mercato

L’Ue sta stilando una lista di una ventina di grandi società di internet, che saranno soggetti a regole più stringenti nel tentativo di frenare il loro potere sul mercato. Lo riporta il Financial Times, citando alcune fonti, secondo le quali della lista fanno parte giganti della Silicon Valley come Apple, Google e Facebook. 

Le piattaforme – scrive Ft -, dovranno rispettare un regolamento più severo nei confronti dei concorrenti più piccoli e saranno obbligate a condividere i dati con questi, oltre a essere più trasparenti sulla raccolta delle informazioni. In casi estremi, l’Ue cercherà di affrontare i problemi strutturali scindendo le società o costringendole a vendere unità, se non rispettano le regole sulla concorrenza.

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione Ue (Foto EPA/SASCHA STEINBACH)

L’elenco verrà compilato in base alla quota di ricavi sul mercato e al numero di utenti e potrebbe includere anche società che costringono i concorrenti a utilizzare le proprie piattaforme per commerciare. Secondo il quotidiano, l’iniziativa da parte della Commissione Ue potrebbe accelerare le misure da intraprendere per riequilibrare il mercato dei big tech più rapidamente.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020