Raidue, stop a ‘Seconda linea’ dopo due puntate. Di Meo: non rinunceremo al giovedì informativo

“Non è un problema di ascolti, le cose nuove hanno bisogno di tempo, ma bisogna essere convinti che il progetto corrisponda alle nostre idee”. Il direttore di Raidue Ludovico Di Meo ha così spiegato – ripreso da Agi – la decisione di sospendere, dopo due sole puntate lo spazio informativo di prima serata ‘Seconda linea’ condotto dall’inedita coppia Francesca Fagnani e Alessandro Giuli.


“Anziché correggere il programma in corsa andando avanti in modo sbilenco preferiamo fermarci per rimodulare il progetto e farlo ripartire appena saremo pronti”. Non c’è ancora una data precisa, ma è certo, aggiunge, che il programma informativo riveduto e corretto andrà in onda sempre di giovedì: “E’ una serata da fossa di leoni, un’arena complicata, ma Raidue non rinuncerà al giovedì informativo”. Il direttore ha spiegato che non è ancora chiaro neanche cosa non abbia funzionato in particolare e dove quindi si concentreranno le correzioni.
“La sperimentazione resta sempre il nostro pallino, non ci rinunceremo” ha precisato, chiarendo però che riguardo alla nuova edizione del programma non c’è certezza né sul titolo, né sulla doppia conduzione, né sul fatto che i protagonisti delle prime due puntate resteranno al loro posto: “Tutto il progetto deve essere rivisto, tra un po’ trarremo le conclusioni su conduttori e autori”. Giovedì prossimo al posto di ’Seconda linea’ andrà in onda una serie, che sulla rete assicura ascolti e affezione. “Sull’intrattenimento abbiamo trovata la quadra, la nostra comfort zone, mentre l’informazione è ancora da strutturare” ha aggiunto Di Meo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza