I Magnifici Dieci della gara ICE

Hanno tutti passato il vaglio della congruità. Dopo l’apertura della prima busta emerge che le dieci entità che si sono messe in gara per rilanciare per conto di Ice il brand Italia nel mondo hanno i requisiti richiesti per partecipare alla sfida. A disposizione un budget da 41 milioni di euro, in ballo c’è la comunicazione in 26 Paesi, alcuni importanti extra Ue, e non era semplice mobilitare il genere di competenze e coperture necessarie per fare una proposta credibile. Tante così le associazioni articolate di imprese di settori contigui della consulenza.

Dopo l’apertura della prima busta si certifica quanto già in parte anticipato da Prima: molti tra i big nazionali e internazionali della comunicazione sono nella partita. Ma ci sono in pista anche delle altre presenze ambiziose e competitive. Ecco una lista pressoché completa delle alleanze schieratesi: Armando Testa con Media Italia, Cool Hunting ed Epr Comunicazione; Myntelligence con 4 sigle alleate; MDC Partner con OCMG e Sec; Pomilio Blumm con altre tre sigle; The Big Mama con altri due; Vice Italia (Pulsa Media, Vice Benelux, Oberon media, Magazine International); Wpp (Mindshare con alleate le agenzie esterne Doing, Start Up Italia e Hdrà), Dentsu Italia con Deloitte e Conic; Jakala con tre entità collegate, il gruppo puro di agenzie Omnicom (PHD, BBDO e l’agenzia di rp).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

SportLab, il 29 ottobre un convegno online sul futuro dell’industria dello sport per festeggiare i 75 anni di Stadio e Tuttosport

SportLab, il 29 ottobre un convegno online sul futuro dell’industria dello sport per festeggiare i 75 anni di Stadio e Tuttosport

Usa: i ceo di Facebook, Twitter e Google testimoniano in Senato

Usa: i ceo di Facebook, Twitter e Google testimoniano in Senato

TOP 100 SITI DI INFORMAZIONE – Audiweb Week 12-18/10: quotidiani in crescita, primo Corriere, poi TgCom24

TOP 100 SITI DI INFORMAZIONE – Audiweb Week 12-18/10: quotidiani in crescita, primo Corriere, poi TgCom24