Recovery Fund, Martella: risorse per trasformazione digitale dell’editoria, con formazione e incentivi per abbonamenti

“L’asset principale del Recovery Fund è la digitalizzazione, per colmare differenze in campo digitale nel Paese e aumentare le competenze dei cittadini. Noi abbiamo inserito, nell’ambito di questo programma, la possibilità di investire nell’editoria con la transizione tecnologica e digitale, sulla formazione del personale, sulle competenze digitali, sugli incentivi ai nuovi abbonamenti”. Ad affermarlo, intervenendo a Sky Tg24, il sottosegretario alla presidenza con delega all’editoria Andrea Martella.

Andrea Martella (Foto Ansa)

“Potrà portare risorse utili, aggiornare e migliorare il processo di trasformazione digitale che riguarda il sistema della informazione e dell’editoria”, ha spiegato Martella, che ha fatto un accenno anche al tema caldo del 5G. “Credo ci sia un approccio comunitario che deve essere mantenuto e la consapevolezza che intorno c’è una questione si sensibilità dei dati. E’ giusto investire, ma al contempo bisogna tutelare la nostra sovranità”.

“Non si tratta di essere contro investimenti cinesi, ha chiosato, ma di coniugare importanti investimenti con la protezione dei dati”.  “Se avviene in una logica di coesione europea penso sia meglio”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Franceschini (Mic):  in ItsArt ritengo utile e importante coinvolgimento Rai. Barachini: Vigilanza preparerà un atto

Franceschini (Mic): in ItsArt ritengo utile e importante coinvolgimento Rai. Barachini: Vigilanza preparerà un atto

Sanremo 2021, prima serata: perchè Ama e Fiore calano. L’uscita degli over 55, non compensata dal buon aumento dei giovani. Fuga dei 75+

Sanremo 2021, prima serata: perchè Ama e Fiore calano. L’uscita degli over 55, non compensata dal buon aumento dei giovani. Fuga dei 75+

Il presidente della Germania, Steinmeier: “social pericolo per democrazia”. E Facebook paga gli editori dei quotidiani tedeschi

Il presidente della Germania, Steinmeier: “social pericolo per democrazia”. E Facebook paga gli editori dei quotidiani tedeschi