Huawei in trattative per vendere il brand Honor per 3,1 miliardi di euro. In corsa Digital China, Xiaomi e Tcl

Huawei sarebbe in trattative per vendere parte del suo business degli smartphone a basso costo legato al brand Honor, in un accordo il cui valore oscilla tra i 15 e i 25 miliardi di yuan (tra 1,9 e 3,1 miliardi di euro).

Lo scrive Reuters, spiegando che la vendita riguarderebbe il brand Honor, un marchio di smartphone e altri prodotti tech orientato ai giovani e con prezzi più contenuti, insieme alla divisione ricerca e sviluppo e alle attività di gestione della catena di fornitori. Sempre in base alle indiscrezioni, in pole position per l’acquisizione ci sarebbe Digital China, il principale distributore di Honor, ma in lizza ci sarebbero anche i produttori di smartphone Xiaomi e Tcl.

Il logo di Huawei (Foto Ansa – EPA/JENS SCHLUETER)

La decisione di vendere sarebbe conseguenza delle sanzioni Usa, che avrebbero portato il colosso cinese di Shenzen a scegliere di concentrarsi sugli smartphone di fascia più alta e a marchio omonimo, rinunciando al business legato a Honor. Secondo gli ultimi dati forniti dagli analisti di Canalys, nel secondo trimestre Honor ha rappresentato circa un quarto (26%) delle vendite complessive di Huawei, con 14,6 milioni di smartphone su un totale di 55,8 milioni.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Franceschini (Mic):  in ItsArt ritengo utile e importante coinvolgimento Rai. Barachini: Vigilanza preparerà un atto

Franceschini (Mic): in ItsArt ritengo utile e importante coinvolgimento Rai. Barachini: Vigilanza preparerà un atto

Sanremo 2021, prima serata: perchè Ama e Fiore calano. L’uscita degli over 55, non compensata dal buon aumento dei giovani. Fuga dei 75+

Sanremo 2021, prima serata: perchè Ama e Fiore calano. L’uscita degli over 55, non compensata dal buon aumento dei giovani. Fuga dei 75+

Il presidente della Germania, Steinmeier: “social pericolo per democrazia”. E Facebook paga gli editori dei quotidiani tedeschi

Il presidente della Germania, Steinmeier: “social pericolo per democrazia”. E Facebook paga gli editori dei quotidiani tedeschi