Editoria, Franceschini: oltre 18 milioni per il Tax Credit Librerie; strumento potenziato

“Sono pari a oltre 18 milioni di euro le risorse di quest’anno per il tax credit librerie: ai 5 milioni di euro originari si aggiungono 3,25 milioni di euro stanziati dalla legge sulla promozione della lettura varata lo scorso febbraio e i 10 milioni per il 2020 provenienti dal fondo emergenze imprese e istituzioni culturali creato con il Decreto Rilancio”. Lo ha detto il Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, ricordando la prossima scadenza del bando per sostenere le imprese di vendita al dettaglio di libri, soprattutto le più piccole e indipendenti, prevista per le 12:00 del 23 ottobre.

Dario Franceschini (Foto ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

“In un anno tanto difficile, ha ricordato il Direttore generale per le biblioteche e il diritto d’autore del MiBACT, Paola Passarelli, la volontà di non lasciare indietro nessuno passa anche attraverso il potenziamento della formula del Tax Credit per sostenere, con uno stanziamento complessivo di 18.250.000 euro, l’opera di diffusione e distribuzione capillare della lettura e della cultura nei territori, fatta soprattutto da piccole e talvolta uniche librerie presenti nelle aree interne del Paese”.

Le domande per il 2019 possono essere presentate esclusivamente on line entro le 12:00 del 23 ottobre 2020 mediante il portale taxcredit.librari.beniculturali.it/sportello-domande/. Le imprese con specifici codici Ateco possono accedere alle agevolazioni fiscali per diverse categorie di spesa nella misura massima di 20.000 euro per gli esercenti di librerie indipendenti, e di 10.000 euro per gli altri esercenti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020