Rai, Salini: presto un nuovo direttore per Rai Fiction e piano di produzione entro 31 dicembre; senza restituzione parte canone meno investimenti

L’ad Rai Fabrizio Salini lascerà la sua direzione ad interim di Rai Fiction quanto prima, e intanto annuncia il nuovo piano di produzione entro il 31 dicembre. Sollecitato dal presidente di Apa, Giancarlo Leone, che ha riunito al Mia (mercato internazionale dell’audiovisivo) Salini insieme ai protagonisti di Sky, Mediaset e all’ex direttrice di Rai Fiction Tinny Andreatta, da giugno passata a Netflix come responsabile dei contenuti originali in Italia, Salini ha sottolineato che Andreatta ha lasciato una squadra competente che lo sta supportando: “Se c’è qualche progetto che non sta partendo è dovuto al fatto che stiamo prevedendo l’impatto economico dei prossimi, è evidente che presto arriveremo alla nomina di un nuovo direttore” ha concluso impegnandosi a presentare il piano di produzione entro il 31 dicembre.

“La Rai considera che tra i 90 euro di canone pagati dai cittadini e i 74 ricevuti dalla Rai ci sia uno squilibro troppo marcato”, dice Salini, ha sottolineato che “senza il riconoscimento di ciò che si deve alla Rai, la tv pubblica, considerando le proiezioni relative al calo della pubblicità, avrà meno risorse da immettere sul mercato, anche se non ferma le macchine e continua a investire nello sviluppo”. Prima dell’intervento di Salini la questione del canone era stata al centro dell’intervento del presidente di APA Giancarlo Leone. Leone ha chiesto al governo la restituzione a Rai di 180 milioni di euro annui trattenuti dal prelievo sul canone: “La Rai è il volano dell’audiovisivo, rischia di ridurre o contrarre investimenti”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020