- Prima Comunicazione - https://www.primaonline.it -

Martella: la riforma dell’editoria avrà risorse all’altezza; si è rafforzata la domanda di informazione accurata e di qualità

Le risorse impegnate non sono ancora state quantificate, “ma saranno all’altezza dell’ambizione del progetto. Per un settore da anni in crisi strutturale con una situazione aggravata dalla pandemia è una sfida da non perdere. Anzi da vincere”.

[1]

Il sottosegretario con delega all’Editoria Andrea Martella (Foto ANSA/ALESSANDRO DI MEO)

Lo ha detto il sottosegretario all’Informazione ed editoria, Andrea Martella, parlando della riforma dell’editoria con i presidenti di Ordine e Assostampa Fvg Cristiano Degano e Carlo Muscatello, a margine dell’inaugurazione di un murales in ricordo di Daphne Caruana Galizia oggi a Ronchi dei Legionari (Gorizia). Per soccorrere l’editoria, secondo Martella, – riporta una nota di Assostampa e Odg – vanno stabilizzate una serie di misure già in atto come il credito di imposta per gli investimenti pubblicitari, il bonus fiscale per i servizi digitali e le spese di connessione, l’estensione e l’incremento fino a 4 mila euro del tax credit per le edicole e per i distributori che raggiungono i Comuni con meno di 5000 abitanti, ma anche il credito di imposta per la carta e la forfettizzazione delle rese dei giornali. Perché se la pandemia ha ulteriormente aggravato la crisi, è vero anche che “ha contribuito a rafforzare la domanda di un’informazione accurata, di qualità, affidabile e pienamente accessibile alla popolazione”. Da qui l’obiettivo del Governo, anche con l’aiuto dei fondi europei, di “tutelare il lavoro dei giornalisti” e sostenere le imprese, accompagnando il settore verso una trasformazione.

All’incontro era presente fra gli altri anche il presidente della Fnsi Beppe Giulietti. Degano e Muscatello hanno concordato con Martella un prossimo incontro pubblico a Trieste per approfondire i contenuti della riforma dell’editoria. (ANSA).