Restyling per Repubblica.it, pensato per gli smartphone

Il sito di Repubblica è da oggi online in una veste rinnovata. Grafica più chiara, caratteri più leggibili, navigazione semplificata e scansione degli argomenti più intuitiva, sono alcuni degli elementi che hanno coinvolto il portale del giornale, in quello che viene definito “non un semplice restyling”, ma “un intervento radicale, innovativo, sulla tecnologia e sulla struttura delle pagine”.

Il lavoro ha coinvolto per quasi un anno un team di giornalisti, data analyst, sviluppatori e grafici, spiegano da Largo Fochetti raccontando i cambiamenti, specificando che la nuova veste è stata pensata partendo dal mobile.

Insieme alla grafica, rinnovamenti anche nell’offerta per gli abbonati, con le newsletter, l’anteprima con il meglio del quotidiano della mattina dopo, i podcast, le grandi inchieste nate sul digitale, le videoinchieste di RepTv e gli speciali multimediali e interattivi del Visual Lab.

“Le tecnologie che adoperiamo sono le più innovative e continueremo ad aggiornarle”, ha commentato il direttore Maurizio Molinari, che ha definito la navigazione sul portale “l’esperienza digitale più avanzata e innovativa sul mercato editoriale italiano. “Perché chi l’ha studiata, immaginata e realizzata ha scelto di mettersi dalla parte dei lettori”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto